www.italianews.org - L'agenzia internazionale di comunicazione e giornalismo

Allarme maltempo in tutto il centro-nord. Nubifragi su Lazio e Toscana
L'Arno fa paura, Pisa a rischio inondazione. La fascia tirrenica devastata da eccezionali burrasche

ROMA (Italy) - Sono le regioni del versante tirrenico le più colpite dalla nuova ondata di maltempo che si sta abbattendo sull’Italia. A Pisa la situazione è in lento miglioramento, dopo l'allarme di stamattina per la piena dell’Arno, mentre a Volterra undici abitazioni sono state evacuate per il crollo di trenta metri di mura medievali in pieno centro. Le precipitazioni stanno creando disagi anche nel resto d’Italia. Si segnalano molti allagamenti e forti nevicate sulle Alpi. Fenomeni intensi sono previsti per buona parte della giornata su molte regioni.


Non si placa l'ondata di maltempo che sta spazzando l'intera Penisola. Roma è stata colpita nella notte da un violentissimo nubifragio: città in tilt, il Campidoglio ha attivato l'unità di crisi, la Protezione civile ha invitato a limitare gli spostamenti.


Roma devastata - Molti i disagi: alcune uscite del Gra sono state chiuse, chiuse anche alcune stazioni della metro A, mentre Autostrade per l'Italia sconsiglia l'accesso alla Capitale. Una frana ha poi travolto alcune baracche in via Umberto Moricca, all'Aurelio. I vigili del fuoco, immediatamente intervenuti sul posto, sono riusciti a trarre in salvo tutti gli occupanti delle baracche, un gruppo di immigrati. "I danni sono causati anche dall'abusivismo edilizio", dice il sindaco di Roma Ignazio Marino.

A Viterbo, un treno è deragliato, con ogni probabilità a causa del maltempo. E' accaduto alle porte della città, tra le stazioni di Tre Croci e Tobia, della linea locale per Roma. Sul posto, vigili del fuoco e i sanitari del 118. Non ci sarebbero feriti. Sempre nel Lazio, l'Aniene è straripato a Trevi nel Frusinate, mentre a Frosinone è esondato il Cota.

Pisa sott'acqua - Nelle ultime ore la piena ha raggiunto livelli che non si registravano da 20 anni, ma l'acqua defluisce verso il mare senza fare danni. Lungo le sponde dell'Arno, nel centro storico, sono state collocate delle paratie per aumentare la protezione. A Pontedera è stato aperto anche il canale scolmatore per diminuire la portata del fiume. Scuole chiuse oggi a Pisa, anche se la situazione è in lento miglioramento. Il prefetto della città Francesco Tagliente ha spiegato che l'emergenza in città sta piano piano rientrando e tutti i ponti sul fiume sono stati riaperti: "L'Arno a Pisa non fa più paura, anche se la situazione resta di massima attenzione".

Scuole chiuse domani a Cecina - (Livorno) a causa del maltempo. Il sindaco Stefano Benedetti, con ordinanza, ha sospeso le attività didattiche a causa delle condizioni di criticità derivanti dalle abbondanti piogge che hanno avuto riflessi sulla viabilità del territorio.

Crollano le mura medievali a Volterra - Disagi anche nel resto della provincia di Pisa, in particolare a Volterra, dove in pieno centro storico è crollato un tratto di trenta metri di mura medievali e si è verificato un cedimento del manto stradale. Undici abitazioni sono state evacuate. Il sindaco Marco Buselli ha disposto la chiusura delle scuole della cittadina in provincia di Pisa e ha rivolto un appello al presidente del Consiglio Enrico Letta e al presidente della Regione Enrico Rossi "perché vengano a vedere i danni provocati dal maltempo e in particolare il crollo del tratto di mura medievali". Il sindaco Buselli chiede, inoltre, alle istituzioni di "non essere lasciato solo. Nessun Comune potrebbe sostenere le spese per riparare simili danni".

Frane e allagamenti nel resto della Toscana - Il maltempo si è abbattuto con violenza anche sul resto della Toscana. Allagamenti e disagi si segnalano nel Pistoiese e nelle province di Prato, Firenze, Livorno e Grosseto. Sono stati chiusi alcuni tratti di strade regionali, mentre i fiumi Ombrone, Elsa, Pesa, Sieve e Bisenzio hanno superato i livelli di guardia e criticità e personale del Servizio di Piena e del volontariato sta monitorando gli argini.

Modena, il Secchia torna a fare paura - In provincia di Modena sono sotto stretta osservazione i livello del Panaro e soprattutto del Secchia, che aveva già rotto gli argini nei giorni scorsi. Per precauzione sono stati anche chiusi alcuni ponti. Si segnalano anche disagi alla viabilità.

Allagamenti in Friuli - Problemi notevoli anche in Friuli-Venezia Giulia, in particolare in provincia di Pordenone. Alcune strade sono state chiuse a causa di allagamenti per lo straripamento di fiumi. Situazione difficile anche in provincia di Udine, in particolare in Carnia dove nevica ininterrottamente da quasi 24 ore.

Neve sulle Alpi - Sulle Alpi la neve sta cadendo abbondante. In Trentino e in Alto Adige sono stati chiusi diversi passi di montagna, mentre a Cortina e in altri comuni del bellunese le scuole sono state chiuse oggi e domani. Le previsioni indicano un aumento del limite delle nevicate a circa mille metri di quota a partire da mezzogiorno. Chiusa per una valanga la strada di collegamento tra Dobbiaco e Cortina.

Acqua alta a Venezia - Venezia sta facendo i conti con l'acqua alta. Il fenomeno ha raggiunto una punta di 125 centimetri sul medio mare, interessando circa il 30% della città. Per stasera, poco prima della mezzanotte, è previsto un picco di 140 centimetri.

Pioggia anche per il resto della giornata
- Secondo le previsioni, l’ondata di maltempo proseguirà anche nelle prossime ore. Per buona parte della giornata sono attesi rovesci e temporali su Lazio e Toscana e precipitazioni intense sulle Alpi centro-orientali, con neve oltre i 1000 metri di quota. Le piogge cadranno su quasi tutte le regioni e dalla serata si concentreranno su Calabria, Puglia e Basilicata. Previsti anche venti forti e mareggiate sulle coste.

Aliscafi e traghetti bloccati tra Napoli e Golfo - Questa mattina collegamenti marittimi completamente bloccati tra Napoli e le località del Golfo a causa di un vento di scirocco forza otto e un mare molto mosso forza sei. Procida è isolata come lo è anche Ischia, oggi senza approvvigionamenti quotidiani (latte, frutta, giornali). (Redazione - 31 gennaio 2014 ore 18.00)


Riproduzione non consentita ©


Brindisi Indagine epidemiologica

Ferrari F14T
Alonso - Raikkonen


Giornata della
Memoria 2014


Emirates nuovi
collegamenti aerei

Le destinazioni top
viaggi del 2014

Pensioni: i requisiti
per 2014 e successivi