www.italianews.org - L'agenzia internazionale di comunicazione e giornalismo

Mobile tecnology, è boom di tablet e smartphone. Pc in flessione sull'intero mercato informatico
Il Mobile è ormai vincente e sviluppa enormi stime di crescita

ROMA (Italy) - La società di ricerca e analisi International Data Corporation, ha svelato in questi giorni alcune delle sue previsioni per il territorio italiano, confermando che nel corso del 2014 i tablet in Italia saranno in grado di guidare una forte crescita degli smart connected devices.

Quello degli smart connected devices, cioè dei dispositivi in grado di connettersi alla rete, è un mercato in continua crescita in tutto il mondo che continua a registrare risultati positivi nonostante un normale rallentamento, e che comprende tutti quei prodotti della tecnologia che permettono alle persone di restare connesse dovunque e in qualsiasi momento. IDC afferma che il mercato Smart connected device o SCD (che riunisce pc, tablet e smartphone) ha archiviato in Italia il quarto trimestre del 2013, a quota 7 milioni di unità.


I tablet compresi i modelli ibridi 2-in-1 metteranno a segno un incremento del 25,8% nel 2014. I tablet venduti in Italia nel 2013 hanno raggiunto i 4,5 milioni di pezzi: la crescita è a ritmo sostenuto del 57,8% rispetto al 2012. Il mercato continuerà a correre a doppia cifra nel prossimo triennio, grazie al debutto di nuovi prodotti. Il passaggio all’era Mobile pesa invece sulle cifre del mercato Pc, in calo del 7% nel quarto trimestre del 2013. La flessione, seppur lieve, proseguirà nel 2014, visto che gli utenti consumer preferiscono smartphone e tablet. Nella seconda metà del 2014, Idc prevede una maggiore diffusione dei tablet e ibridi anche nelle imprese italiane; tuttavia l’ambito business rimarrà fedele al Pc: si stima un aumento delle vendite che compenserà il declino dei Pc nel consumer. IDC mette l’accetto sui nuovi form factor che aprono a nuove opportunità. Gli smartphone rimangono un asso formidabile: forti di 4,5 milioni di unità vendute, gli smartphone rappresentano il 60% del mercato Smart connected device in Italia. Hanno registrato un incremento dell’8,8% su base trimestrale e del 22% su base annua nel 2013.

Fra i top vendor, Samsung mantiene lo scettro del segmento tablet in Italia, seguita da Apple e Mediacom; Acer e Lenovo stanno ingranando la marcia, in forte accelerazione, infatti mostrano la crescita più sostenuta. Nel segmento Pc, HP svetta nel mercato italiano, seguita da Asus e Acer, mentre Lenovo e Apple chiudono la top Five del 2013. Infine, nel segmento smartphone, la regina è di nuovo Samsung, che con Apple e Nokia si spartisce il 75% del mercato italiano dei telefonini intelligenti. Nel quarto trimestre 2013 rispetto al 2012, Nokia è in crescita del 18,2% superiore al 13,3% di Samsung, mentre Apple calava dell’1,2%.

Anche nel 2014 cala il mercato Pc del 6,1%. Dopo il crollo del 10% 2013, il mercato Pc si prepara per il terzo anno in flessione. Se a gennaio la società d’analisi proiettava una flessione del 3.8% nel 2014 ed un’anemica crescita, inferiore all’1% nel 2015, ora IDC deve ammettere che le cose vanno peggio del previsto anche nell’anno in corso: le stime sono pari a un calo del 6,1% nel 2014, in un mercato Pc che passerà dai 315.1 milioni di unità totalizzate nel 2013 a 295.9 milioni di Pc previsti nel 2014. Ad indebolirsi, a una velocità superiore al previsto, è la domanda nei mercati emergenti. Il Mobile cannibalizza la il mercato Pc: le vendite di smartphone e tablet erodono le vendite dei Pc.
La situazione economica in Asia è in rallentamento e si prevedono cambiamenti anche di natura politica. Nel 2013 a oesare sul crollo del 9.8% del mercato Pc è stata la flessione dell’11.3% dei mercati emergenti. Mercati emergenti che rappresentavano il motore di crescita del mercato Pc; ma ora lì giocano fattori chiave come la debolezza dell’economia e il cambiamento di priorità negli acquisti tecnologici. E così ci avviamo al terzo anno di declino, sperando in un’inversione di marcia, ormai nel 2015.

Nel 2013, l’anno nero del mercato Pc, con il peggior declino di sempre, le vendite hanno totalizzato 315.9 milioni di unità. Si tratta di un mercato ancora da oltre 200 miliardi di dollari, ma il Mobile è in grande spolvero, con un’accelerazione improvvisa. Il mercato Pc, che solo due anni fa vendeva un milioni di Pc al giorno, è invece regredito al livello del 2009. Secondo Gartner e IDC, il declino è da record: per Gartner la flessione ha eclissato il calo del 3.9% del 2012. Nei mercati evoluti i tablet sono stati il regalo più gettonato, mentre nei mercati emergenti il primo dispositivo smart-connected è uno smartphone, mentre il primo dispositivo di computing è un tablet. Il quarto trimestre ha registrato un declino del 6.9% – il settimo calo consecutivo – secondo Gartner e del 5.6% secondo IDC.

Fra i top vendor, visti da Gartner, Lenovo mantiene lo scettro con il 18.1% di market share, in crescita del 6.6% (14 milioni di Pc venduti); Hp è seconda con il 16.4%, ma in flessione del 7.2%; Dell è terza. La domanda enterprise è trainata dalla fine del supporto di XP (l’OS più longevo, che termina la corsa dopo 13 anni). A livello geografico, gli USA calano del 7.5%, il mercato Emea del 6.7%, l’Asia-Pacifico del 9.8%. IDC prevede che non si sia ancora toccato il fondo e stima un calo del 3.8% nel 2014 e una crescita dell’1% solo nel 2015. Nel 2014 Android supererà il miliardo di utenti: 1,1 miliardi in crescita del 26%. E dal 2017 il 75% delle vendite di Android deriverà dai mercati emergenti. Continuerà iul boom dei telefonini mobili, trainati dagli smartphone: dai modelli mid-range ai modelli premium. Nel 2014 verranno venduti 1.9 milioni di telefonini in crescita del 5% sul 2013. Sugli scudi è anche l’Ultramobile che include tablet, ibridi e modelli tradizionali: l’incremento sarà del 54%. (Redazione - 19 marzo 2014 ore 18.00)


Riproduzione non consentita ©


Brindisi Indagine epidemiologica

Ferrari F14T
Alonso - Raikkonen


Giornata della
Memoria 2014


Emirates nuovi
collegamenti aerei

Le destinazioni top
viaggi del 2014

Pensioni: i requisiti
per 2014 e successivi