www.italianews.org - Comunicazione e giornalismo

COP21: UN chief hails new climate change agreement as 'monumental triumph'
For the first time today, 195 Parties to the UN Framework Convention on Climate Change (UNFCCC)
pledged to curb emissions, strengthen resilience and joined to take common climate action

ROMA (Italy) - Following the adoption of the new Paris Agreement on climate change, United Nations Secretary-General Ban Ki-moon said government representatives made history today.

“The Paris Agreement is a monumental triumph for people and our planet,” said Mr. Ban in a tweet, immediately following its adoption. “It sets the stage for progress in ending poverty, strengthening peace and ensuring a life of dignity and opportunity for all.” Gaveling the Agreement with a green hammer, the French Foreign Minister and President of COP21, Laurent Fabius, announced the historic news – a moment greeted with loud applause and cheers, as the room stood up. Many delegates hugged, while others had tears in their eyes. For the first time today, 195 Parties to the UN Framework Convention on Climate Change (UNFCCC) – pledged to curb emissions, strengthen resilience and joined to take common climate action.


The Paris Agreement and the outcomes of COP21 cover all the crucial areas identified as essential for a landmark conclusion: mitigation – reducing emissions fast enough to achieve the temperature goal; a transparency system and global stock-take – accounting for climate action; adaptation – strengthening ability of countries to deal with climate impacts; loss and damage – strengthening ability to recover from climate impacts; and support – including finance, for nations to build clean, resilient futures.

“In the face of an unprecedented challenge, you have demonstrated unprecedented leadership,” the UN chief said taking the COP21 stage just minutes later. “You have worked collaboratively to achieve something that no one nation could achieve alone. This is a resounding success for multilateralism.” Recalling that he made climate change one of the defining priorities of his tenure as Secretary-General, Mr. Ban said that most of all, he has listened to people – the young, the poor and the vulnerable, including indigenous peoples, from every corner of the globe. “They seek protection from the perils of a warming planet, and the opportunity to live in a safer, more bountiful world,” he underlined. “They have demanded that world leaders act to safeguard their well-being and that of generations to come.” Turning to the agreement itself, the Secretary-General said negotiators reached “solid results on all key points,” with an agreement that demonstrates solidarity and “is ambitious, flexible, credible and durable.” “All countries have agreed to hold global temperature rise to well below 2 degrees Celsius.

Meanwhile, highlighting the role of the private sector, the UN chief said business leaders came to Paris in unprecedented numbers and that “powerful” climate solutions are already available while many more are to come. “With these elements in place, markets now have the clear signal they need to unleash the full force of human ingenuity and scale up investments that will generate low-emissions, resilient growth,” he said, adding that “what was once unthinkable has now become unstoppable.” “When historians look back on this day, they will say that global cooperation to secure a future safe from climate change took a dramatic new turn here in Paris,” Mr. Ban stated. “Today, we can look into the eyes of our children and grandchildren, and we can finally say, tell them that we have joined hands to bequeath a more habitable world to them and to future generations.”

Ending his remarks, the UN chief said that all Parties should be proud of the Paris Agreement and that “the work starts tomorrow.” “For today, congratulations again on a job well done,” he concluded. “Let us work together, with renewed commitment, to make this a better world.” Addressing the hundreds of delegates, Christiana Figueres, the Executive Secretary of UNFCCC, said “we did it in Paris.” “We have made history together. It is an agreement of conviction. It is an agreement of solidarity with the most vulnerable. It is an agreement of long-term vision, for we have to turn this agreement into an engine of safe growth,” she exclaimed. Several other top UN officials joined the Secretary-General in welcoming the new Agreement. This included the President of the UN General Assembly, Mr. Mogens Lykketoft.

“Today's agreement signals nothing less than a renaissance for humankind as we collectively embrace the global challenge of climate change and endeavor to transition to a more sustainable way of living that respects the needs of people and our planet,” Mr. Lykketoft said in a statement. Echoing this message, the President of the UN Economic and Social Council (ECOSOC), Oh Joon, said the world has reached a key milestone in collective action for sustainable development. “Bold action against climate change will contribute to poverty reduction. The United Nations Economic and Social Council will take part in follow-up efforts,” he added.

Earlier today, at a meeting of the Committee of Paris – the body which is overseeing the negotiations at COP21 – the UN chief spoke alongside the President of France, François Hollande as well Minister Fabius. “The end is in sight. Let us now finish the job. The whole world is watching. Billions of people are relying on your wisdom,” the Secretary-General had told delegates. In an emotional address during which he held back tears, Laurent Fabius said the agreement “will serve meaningful causes, food safety and security, public health, the fight against poverty and for essential rights, and therefore peace.” “People worldwide, our citizens, our children, wouldn't understand if we didn't adopt it and wouldn't forgive us,” he insisted. “It is rare to be given the opportunity to change the world,” said President François Hollande, wrapping up the meeting. “You have the opportunity to do that.”


Riproduzione non consentita ©
 


 
www.italianews.org - Comunicazione e giornalismo

Morti da inquinamento atmosferico, l’Italia è la peggiore in Europa
I risultati del nuovo rapporto elaborato dall'Agenzia europea per l'ambiente

ROMA (Italy) - Il rapporto Eea esamina l’esposizione della popolazione europea agli inquinanti atmosferici e fornisce una panoramica di qualità dell’aria sulla base di dati provenienti da stazioni di monitoraggio ufficiali in tutta Europa, dimostrando che la maggior parte abitanti della città continuano ad essere esposti agli inquinanti atmosferici a livelli ritenuti non sicuri dall’Organizzazione mondiale della sanità (OMS).

L'Italia e' il primo Paese europeo per morti premature dovute all'inquinamento atmosferico. Lo rileva l'Agenzia europea dell'Ambiente (Aea) nel "Rapporto sulla qualita' dell'aria" pubblicato riferito agli anni 2012 e 2013. Complessivamente l'Italia conta nel 2012 84mila decessi prematuri dovuti a concentrazioni troppo elevate di polveri ultra sottili (59.500), ozono (3.300) e diossido di azoto (21.600) sul 491mila registrati nell'Ue.


In Italia le morti premature da PM2,5 sono state 59.500, quelle da O3 sono stimate in 3.330 e i morti causati dell’NO2 sarebbero 21.600. Per quanto riguarda la triste classifica dei decessi da PM2,5 l’Italia è in testa insieme alla Germania, seguite dalla carbonifera Polonia (44.600) e dalla nucleare Francia (43.400). L’Italia fa peggio di tutti anche per mortalità dovuta a O3 (seconda è ancora la Germania con 2100 decessi) e all’NO2, distaccando molto la Gran Bretagna che si ferma a 14.100 decessi.

Il particolato può causare o aggravare le malattie cardiovascolari e polmonari, infarti e aritmie. Può anche causare il cancro. Nel 2013, l’87% della popolazione urbana in Europa era esposta a concentrazioni di PM2,5 che superavano il valore definito per proteggere la salute umana. Come si è visto, lo standard di qualità dell’aria nell’Ue è meno rigoroso di quello Oms e così solo il 9% della popolazione è stata esposta a PM2,5 al di sopra del limite Ue. Ma l’EEA fa notare che I vantaggi di miglioramento della qualità dell’aria in Europa sono chiari: uno standard di qualità dell’aria conforme a quello Oms in tutta l’Ue-28 porterebbe a concentrazioni medie di PM2,5 minori di circa un un terzo, con conseguenti 144.000 morti premature in meno rispetto alla situazione attuale.

Ozono, l’esposizione all’ozono nelle città resta molto alta: nel 2013, il 98% della popolazione urbana dell’Ue-28 è stato esposto a concentrazioni di O3 superiori al valore limite dell’Oms. Circa il 15% è sto esposto a concentrazioni superiori al meno rigoroso valore limite dell’Ue per l’O3. Le concentrazioni di ozono danneggiano anche le coltivazioni agricole, le foreste e le piante, riducendo i tassi di crescita e i rendimenti. L’obiettivo a lungo termine per la protezione della vegetazione dall’O3 è stato superato nell’86% del totale delle aree agricole dell’Ue.

Il biossido di azoto colpisce direttamente il sistema respiratorio, ma contribuisce anche alla formazione di PM e O 3. Nel 2013, il 9% della popolazione urbana nell’Ue-28 è stato esposto concentrazioni di NO2 superiori al limite dell’Oms che in questo caso è lo stesso dell’Ue,, con il 93% di tutti i casi di superamento che si verificano vicino alle strade.

Il benzo(a)pirene (BaP) è un inquinante organico cancerogeno. Di solito si forma in seguito all’abbruciamento di legname e l’esposizione all’inquinamento BaP è molto diffusa, in particolare nell’Europa centrale e orientale. Nel 2013, un quarto della popolazione urbana dell’Ue-28 è stato esposto a concentrazioni di BaP di sopra del valorelimite e fino al 91% è stato esposto a concentrazioni di BaP al di sopra del livello di riferimento stimato sulla base di valori di rischio dell’Oms.

L’anidride solforosa (SO2) grazie alla normativa comunitaria che impone tecnologie che utilizzino carburanti a minor contenuto di zolfo, negli ultimi decenni le emissioni di SO2 sono state ridotte in modo significativo. Nel 2013 ci sono sti solo un paio di superamenti del SO2 rispetto al valore limite Ue.

Il monossido di carbonio, benzene e metalli pesanti (arsenico, cadmio, nichel e piombo) le concentrazioni di questi inquinanti nell’aria nel 2013 erano generalmente basse in Europa, con alcuni superamenti dei rispettivi valori limite e all’obiettivo definiti dalla legislazione Ue.


Riproduzione non consentita ©
 



 
www.italianews.org - Comunicazione e giornalismo

Cambiamenti climatici, a Parigi i grandi della terra decidono le sorti del pianeta
La conferenza si apre con una scioccante affermazione:
"Non abbiamo un piano B perché non esiste un pianeta B
, Parigi 2015 è l’ultima chiamata”

ROMA (Italy) - Dal 30 novembre all’11 dicembre, 195 Paesi del mondo discuteranno su un tema che genera non poche preoccupazioni sul futuro del nostro ecosistema, sulla qualità della vita che rischia di essere compromessa irrevocabilmente. La parola “clima”, oggi obbliga tutti e nessuno escluso a rivalutare il proprio rapporto con la natura, con l’ambiente che ci ospita e che da troppo tempo, subisce uno sfruttamento snodato e capitalistico delle risorse e della materie prime. Per i leder europei la sfida sarà rallentare ulteriormente il riscaldamento globale, ridurre le emissioni di Co2.

L’obiettivo condiviso della conferenza (COP21) è ottenere, un accordo universale per contenere il riscaldamento globale entro i 2°C, limite riconosciuto dalla comunità scientifica per evitare gli effetti più disastrosi del cambiamento climatico. Procedendo al ritmo odierno di emissioni climalteranti si arriverebbe a un aumento di 5°C della temperatura media: una catastrofe per la civiltà umana.


Il clima costituisce un importanza fondamentale per le società umane. Il valore inestimabile dell’ambiente, è stato più e più volte dimenticato dall’uomo per mera economia e manifestazioni di potenza. Emblematici sono esempi come: “Volkswagen” o “l’Ilva di Taranto”, rappresentanti di un marchio di fabbrica di una cultura fedele al capitale e al consumo easy, che poco si cura del domani.

Dopo anni di accordi mai siglati e l’ultima fallimentare conferenza di Copenaghen del 2009 sul clima, dal 30 novembre all’11 dicembre a Parigi, potrebbe esserci una svolta definitiva. Secondo quando riportato da Nature, storica e prestigiosa rivista scientifica britannica, i mediatori hanno in cantiere una bozza che molto probabilmente troverà la completa approvazione in seduta di esame e votazione.

Esaurita la conferenza, però bisognerà tradurre in essere l’effettivo processo di “decarbonizzazione”, cioè la riduzione di C02 nella produzione di energia e sviluppo economico. Un invito a procedere non più con le sole parole, bensì attraverso l’azione, viene proposto anche dal presidente dell’Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC), Hoesung Lee, il quale afferma in un’intervista rilasciata su Scienze: “sappiamo più che abbastanza per agire”. Il presidente Lee promette che si concentrerà sulle soluzioni, coinvolgendo i paesi in via di sviluppo, auspicando per la formazione di un equipe di scienziati proveniente proprio da regioni svantaggiate del pianeta, per poter comprendere meglio i meccanismi climatici e le sue trasformazioni. L’emergenza ambientale non può più aspettare, come dimostrano dai più recenti studi in Groenlandia, dove si sta assistendo allo scioglimento dell’intera calotta dell’isola, che potrebbe far salire il livello del mare di ben 6 metri. (Chiara Chiricò)

Non abbiamo un piano B perché non esiste un pianeta B”. Il Ministro degli Esteri francese Laurent Fabius lo ha detto chiaro e tondo un mese fa: la Conferenza sul Clima di Parigi è cruciale per il futuro del mondo. “Parigi 2015 è l’ultima chiamata”, ha ribadito anche il nostro Ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti. Insomma, dalla COP21, che si apre il 30 novembre, è indispensabile uscire con un accordo ambizioso e soprattutto vincolante per ridurre a livello globale le emissioni di CO2 e contenere il riscaldamento del pianeta. È prioritario, anche ora che – dopo gli attentati del 13 novembre – il mondo sembra avere tutt’altre priorità. Malgrado l’importanza del summit di Parigi, pochi però sanno davvero di cosa si tratta, almeno in Italia. Da uno sconfortante sondaggio commissionato da Legambiente in settembre, emerge che solo il 29% degli italiani dichiara di conoscere la COP21. Per non arrivare impreparati all’appuntamento è utile allora un breve vademecum con tutto quello che c’è da sapere.

L’obiettivo condiviso della COP21 è ottenere, per la prima volta in vent’anni, un accordo universale per contenere il riscaldamento globale entro i 2°C, limite riconosciuto dalla comunità scientifica per evitare gli effetti più disastrosi del cambiamento climatico. Procedendo al ritmo odierno di emissioni climalteranti si arriverebbe a un aumento di 5°C della temperatura media: una catastrofe per la civiltà umana.

All’appuntamento di Parigi, presieduto dal Ministro degli Esteri francese Laurent Fabius, prendono parte i rappresentanti di 195 nazioni. In tutto saranno operativamente coinvolte circa 40mila persone, di cui 25mila delegati ufficiali (non solo rappresentanti governativi, ma anche ONG, agenzie delle Nazioni Unite, organizzazioni intergovernative e società civile) e più di 3.000 giornalisti accreditati. Per l’apertura ufficiale del 30 novembre sono attesi 147 capi di Stato, tra cui lo “scettico climatico” Vladimir Putin, il Presidente degli Stati Uniti Barack Obama, il Primo Ministro indiano Narendra Modi e il Presidente cinese Xi Jinping.


Riproduzione non consentita ©