www.italianews.org - Comunicazione e giornalismo

Lo smog asfissia le città, Milano e Roma stoppano il traffico privato. Da Capodanno in arrivo il gelo
Blocco totale del traffico a Milano dal 28 al 30 con stop dalle 10 alle 16. Roma targhe alterne per 28 e 29

ROMA (Italy) - L'alta pressione ci accompagnerà anche negli ultimi giorni di questo 2015: almeno fino a Capodanno quindi le giornate saranno caratterizzate da quasi totale assenza di piogge, mancanza di neve in montagna, temperature relativamente miti, molte nebbie nelle ore notturne e del primo mattino ed emergenza smog in quasi tutte le principali città e aree industrializzate. Rispetto a metà dicembre i valori di polveri inquinanti nell'aria della città di Milano stanno diminuendo ma sono sempre sopra i limiti consentiti dalla legge. Nel giorno di Natale, ad esempio, la stazione di rilevamento di Milano Verziere dell'Arpa Lombardia ha registrato una media giornaliera di 57 microgrammi di Pm10 per metro cubo d’aria rispetto al limite di 50. Il 16 dicembre, però, nella stessa stazione, la media giornaliera aveva toccato i 98 microgrammi di pm 10.


L'Arpa nel suo aggiornamento al 26 dicembre conferma che "con il perdurare delle condizioni anticicloniche e della associata assenza di precipitazioni significative, anche ieri - 25 dicembre - le concentrazioni di PM10 a Milano sono risultate superiori alla soglia di 50 µg/m3 , portando a 31 i giorni consecutivi oltre il limite nella città di Milano, ove le concentrazioni si sono attestate su un livello compreso tra 57 e 67 µg/m3". Con questa giornata i limiti sono stati superati dall'inizio dell'anno a Milano per 96 giorni, da confrontarsi con il valore limite di non più di 35 giorni previsto dalla normative.

A Roma lunedì 28 e martedì 29 dicembre tornano le targhe alterne. A fermarsi, nella Fascia Verde, dalle 7,30 alle 12,30 e poi dalle 16,30 alle 20,30, saranno lunedì autoveicoli e motoveicoli con targa dispari e martedì auto, moto e motorini con targa pari. Consuete deroghe, tra gli altri, per i veicoli Euro 6, a metano, Gpl, con contrassegno disabili, elettrici o ibridi, car sharing, car pooling. Via libera anche per i motocicli a 4 tempi Euro 3 e per i ciclomotori a 2 ruote a 4 tempi Euro 2. I veicoli più inquinanti, ovvero auto benzina Euro 0 e 1; auto diesel fino a Euro 2; moto e motorini Euro 0 e 1, microcar diesel Euro 0 e 1, si fermeranno a prescindere dalla targa. Per queste categorie di veicoli il blocco c'è anche nelle giornate del 26 e 27 dicembre. Nella due giorni a targhe alterne, il biglietto singolo per i mezzi pubblici da 1,50 euro varrà per l'intera giornata. La due giorni a targhe alterne è stata disposta dal Campidoglio al posto del blocco totale del traffico dalle 10 alle 16, pensato in un primo momento.

Per il Codacons le targhe alterne decise dal Commissario straordinario al Comune di Roma, Francesco Paolo Tronca per il 28 ed il 29 dicembre prossimi sono un provvedimento assolutamente inutile se non affiancato da controlli a tappeto sulle strade. ''Qualsiasi misura che limita la circolazione delle autovetture non può avere effetti se non si è in grado di farla rispettare - spiega il presidente Carlo Rienzi - Nelle precedenti giornate di targhe alterne il Codacons ha evidenziato come circa 1 automobilista su 4 continuasse a circolare nonostante i divieti, potendo contare su una sorta di immunità determinata dalle poche verifiche e dal numero irrisorio di multe elevate. Proprio per questo il Comune di Roma deve disporre controlli a tappeto nelle prossime giornate di targhe alterne, attraverso una massiccia presenza dei vigili urbani sulle strade e verifiche su almeno il 30% delle auto in circolazione''. In caso contrario l'incapacità dell'amministrazione di far rispettare i divieti potrebbe portare a responsabilità di natura penale per concorso in inquinamento".

Gli ultimi giorni dell'anno vedranno l'anticiclone salire verso l'area baltico-scandinava e il nord-ovest russo. Aria gelida scenderà dall'Artico Russo e dilagherà così sull'Est Europa e i Balcani, arrivando probabilmente a sfondare anche verso l'Italia. Resta al momento di difficile valutazione l'effettiva ingerenza sull'Italia delle masse d'aria artiche continentali, ma sembra probabile che un raffreddamento piuttosto rilevante riguarderà più direttamente il Nord ed i settori adriatici. Tra il 30 e 31 Dicembre ci attendiamo pertanto un brusco calo termico e l'arrivo dei venti da est-nord/est. A Trieste inizierà a spirare il gelido vento di Bora. Il contrasto dell'aria più fredda con il Mediterraneo potrebbe risultare esplosivo, anche perché nel frattempo avremo anche la confluenza di aria più mite da ovest.


Riproduzione non consentita ©

Emirates si espande e con Panama City offrirà il volo no-stop più lungo della storia aerea: 17 ore e mezza. Il colosso aereo medio orientale aggiunge nuove destinazioni al suo già ricchissimo "global router". (Continua...)