www.italianews.org - Comunicazione e giornalismo

La Ferrari riparte dal GP di Singapore 2015 in programma domani sul circuito di Marina Bay
Vettel e Raikkonen dominano le qualifiche ed è Pole Position! Diretta RAI ore 14.00

ROMA (Italy) - Qualifiche fantastiche per Vettel che ottiene la pole dopo oltre 1500 giorni e 31 GP! Bravo Ricciardo giunto secondo, così come Raikkonen terzo e Kvyat quarto. Incredibile difficoltà per le Mercedes, Hamilton è quinto a quasi 1s e sesto è Rosberg. Vettel primo, a seguire Kvyat, Raikkonen, Ricciardo, Verstappen, Hasmilton e Rosberg, Massa, Grosjean e Bottas. Questi i 10 piloti che si giocheranno la pole. Ore 15:20- Risultati Q1 Formula 1 GP Singapore: Kvyat splendido davanti a tutti ma con gomma rossa,così come 2° Hamilton e Rosberg 4°. Ricciardo e Vettel invece con gomme gialle.


Ferrari in festa a Singapore. Sebastian Vettel centra la pole position (la prima non Mercedes della stagione) con il tempo di 1'43"885. Accanto al tedesco partirà l'australiano Ricciardo (Red Bull). In seconda fila, terzo tempo,per l'altra Ferrari di Kimi Raikkonen a sette decimi seguito dall'altra Red Bull del russo Kvyat. La notizia del giorno è il flop della Mercedes: quinto tempo per Lewis Hamilton (a 1"415) davanti al rivale-compagno Rosberg (a 1"530).

Sebastian Vettel riporta la Ferrari in pole position. Il tedesco scatterà davanti a tutti nel Gp di Singapore grazie al miglior crono assoluto di 1'43''885 ottenuto in qualifica. Per il driver di Heppenheim è la prima pole di sempre con la Ferrari, la numero 46 in carriera. Vettel ha rifilato oltre mezzo secondo alla Red Bull dell'australiano Daniel Ricciardo, che completa la prima fila. Terza l'altra rossa del finlandese Kimi Raikkonen, giunto davanti al russo Daniil Kvyat (Red Bull). In difficoltà la Mercedes, che per la prima volta quest'anno non scatterà dalla pole. Le due 'frecce d'argento' del campione del mondo e leader iridato Lewis Hamilton e di Nico Rosberg occupano la terza fila, rispettivamente in quinta e sesta posizione. Segue la Williams di Valtteri Bottas, settimo a 1.791. Ottavo Max Verstappen su Toro Rosso a 1.913, nono Felipe Massa sull'altra Williams a 2.192. Chiude al decimo posto Romain Grosjean su Lotus che non ha preso parte alla Q3. "Hey ragazzi, lavoro fantastico, lavoro fantastico". Queste le prime parole rivolte ai box, via radio, da Sebastian Vettel dopo aver conquistato la prima pole position con la Ferrari nel Gp di Singapore. Per il 28enne tedesco si tratta della 46ª partenza al palo della carriera.

Ferrari driver Sebastian Vettel topped qualifying at the Singapore Grand Prix on Saturday, preventing Lewis Hamilton and his Mercedes team from equaling the all-time record streaks for pole position.
Vettel took pole by half a second ahead of Red Bull driver Daniel Ricciardo. The second row of the grid in Sunday's race will follow that pattern, with Ferrari's Kimi Raikkonen in third and Red Bull's Daniil Kvyat fourth. Hamilton qualified fifth and Mercedes teammate Nico Rosberg sixth. Hamilton was going for his eighth straight pole, which would have equaled the record set by his idol Ayrton Senna across the 1988 and 1989 seasons, while Mercedes was aiming for its 24th in a row, which would have tied the mark set by the Williams team over the 1992 and 1993 seasons.


Riproduzione non consentita ©
 



 
www.italianews.org - Comunicazione e giornalismo

Rosberg trionfa a Monaco Vettel show: è secondo
A Montecarlo vince ancora il tedesco, davanti al ferrarista. Hamilton beffato, chiude terzo

ROMA (Italy) - Nico Rosberg ha vinto il Gran Premio di Monaco con una strategia ad una sola sosta: il pilota Mercedes è partito con le gomme P Zero Red supersoft per poi passare alle P Zero Yellow soft. Il tedesco è il quarto pilota nella storia della F1 a vincere il Gran Premio di Monaco per tre anni consecutivi.

L’esito della gara è stato ribaltato dall’ingresso della safety car a pochi giri dalla fine: Lewis Hamilton ha perso la leadership della corsa dopo aver effettuato un pit stop in più nel quale ha montato la gomma supersoft. Quasi tutti i piloti sono partiti con gomme più morbide ed hanno effettuato poi una sola sosta, ad eccezione di Nico Hulkenberg, Fernando Alonso, Valtteri Bottas ed entrambi i piloti della Manor, partiti con le gomme soft. Le temperature, durante le prove e le qualifiche, sono state piuttosto fresche, mentre si sono alzate durante la gara dove l’asfalto ha raggiunto un picco di 42°C, migliorando così l’aderenza di entrambe le mescole.


Come di consueto, l’usura e il degrado si sono rivelati minimi sul circuito con l’asfalto meno abrasivo di tutta la stagione. E’ stato, quindi, cruciale riuscire a mantenere gli pneumatici alla giusta temperatura dopo i cinque giri dietro la safety car. Considerevole la performance realizzata da Carlos Sainz su Toro Rosso, partito per ultimo a causa di una penalizzazione. Lo spagnolo, al suo debutto a Monaco, si è classificato decimo, arrivando in zona punti, utilizzando una strategia su un’unica sosta. Fondamentale è stato lo stint di 66 giri con le gomme soft, alla fine della gara. Rosberg ha realizzato il suo giro più veloce a soli due giri dalla fine, con gomme soft usate da ben 39 giri.

Paul Hembery, Direttore Motorsport Pirelli: “Sono rimasto sorpreso come tutti nel vedere l’ultimo pit stop che ha deciso la gara. Ma questo non toglie nulla al grande lavoro che Lewis Hamilton ha fatto in tutto il fine settimana. Dimostra, però, che nulla può darsi per scontato prima della bandiera a scacchi: fatto che Nico Rosberg ha chiaramente apprezzato oggi! Il lungo periodo di safety car al termine della gara ha ovviamente reso cruciale il mantenimento delle temperature per il riavvio. Abbiamo assistito ad un finale spettacolare, con una strategia ad un’unica sosta utilizzata dalla maggior parte dei piloti come avevamo previsto”.

Con la vittoria a Montecarlo, Nico Rosberg accorcia su Hamilton in classifica piloti: ora il tedesco è a 116, il suo compagno di squadra a 126. Vettel mantiene la terza posizione a 98. Continua il dominio Mercedes nel mondiale costruttori: con il bottino di oggi i punti delle Frecce d’Argento diventano 242. La Ferrari insegue con 158.


Riproduzione non consentita ©
 



 
www.italianews.org - Comunicazione e giornalismo

Il circus della Formula Uno sbarca a Montecarlo
La gara più entusiasmante dell'anno si arricchisce delle buone notizie su Michael Schumacher

ROMA (Italy) - Il grande spettacolo della Formula 1 torna questo week-end del 23-24 maggio 2015 a Monaco, sul circuito di Montecarlo. La gara probabilmente più affascinante e atipica dell'intero mondiale si corre tra poche ore e sarà visibile su Rai1 ore 14 di domenica.

Si sono corse le prime prove libere del gran premio di Montecarlo di f1. Come di consueto le prove a Monaco si tengono di Giovedì e non di venerdì. C’è attesa per scoprire se la Ferrari potrà tenere testa alla Mercedes su un circuito particolare come quello di Montecarlo. Insomma si prospetta un week end imperdibile per tutti gli appassionati. Nelle prove libere di Giovedì del Gp di Montecarlo 2015, primo posto per Hamilton, poi Rosberg e subito dietro la Ferrari di Vettel. Anche il mitico Michael prosegue nelle cure con piccoli progressi di un lungo percorso. Buone notizie che lasciano ben sperare sul futuro del pilota.


Si corre domenica prossima a Montecarlo la gara più glamour dell'anno. Tra lussuosi hotel, belle ragazze in costume e star hollywodiane, ecco cosa troverà il circus della Formula 1 nel Principato. Un biglietto per assistere alla gara di domenica prossima costa fino a 4.900 euro. E' il prezzo da pagare per un evento che supera lo sport, dove mondanità, lusso e VIP fanno di Montecarlo la capitale del mondo.

Nel grande mondo della Formula 1 ci sono diversi circuiti che meritano di essere inseriti di diritto nell’Olimpo dei tracciati. Alcuni per la loro bellezza, altri per la storia che hanno alle spalle, altri ancora perchè magari hanno segnato la carriera di un pilota, in positivo come in negativo. Per i più giovani che rincorrono i loro sogni giorno dopo giorno e per i deboli di cuore il circuito più bello e spettacolare è e resterà sempre quello di Montecarlo per alcuni semplici motivi. Innanzitutto il Principato di Monaco è da sempre la patria del lusso: barche e auto costosissime regnano incontrastate nelle inquadrature televisive e rappresentano uno dei sogni di qualsiasi persona. Inoltre è realizzato a pochi passi dal mare, regalando anno dopo anno vedute sempre più splendide. Il tracciato è stretto e tortuoso: pur non favorendo i sorpassi, riesce sempre a rendersi protagonista di inseguimenti tipici dei film hollywoodiani, con le monoposto che sfrecciano tra i palazzi.

Ma la motivazione fondamentale per cui il Gran Premio di Monaco è riuscito ad entrare sin da subito nel cuore degli appassionati è relativa alla sua realtà di circuito cittadino. Le stesse strade che un fine settimana di primavera ospitano le monoposto più belle del mondo, durante il resto dell’anno sono al servizio di pendolari e turisti. E’ questo l’aspetto più romantico di Montecarlo: prende i sogni di gloria di un pilota che insegue la vittoria con l’adrenalina a mille e li mischia alle storie di vita vissuta di chi, pochi giorni dopo le gare, percorre quello stesso asfalto per andare a lavorare o semplicemente per andare a fare la spesa, magari con mille pensieri che affollano la mente.

Michael Schumacher sta lentamente migliorando. Parla la sua storica portavoce Sabine Kehm: "Siamo felici di affermare che fa continui progressi, alla luce della gravità della sua situazione in seguito all’incidente sulle piste da sci. Ci vorrà moltissimo tempo, sarà una lunga battaglia per lui e tutte le persone che gli stanno accanto. Noi siamo felici di affrontarla a testa alta”. Da quel 29 dicembre del 2013, quando sulle piste da sci di Meribel ha sbattuto la testa contro una roccia, la vita del campione è cambiata. Le lesioni cerebrali, la lotta per la sopravvivenza e il lentissimo risveglio dal coma sono ciò che resta del calvario. Da circa un anno è assistito nella camera-ospedale allestita nella sua residenza svizzera di Gland, da un team di 15 specialisti tra neurologi, fisioterapisti e logopedisti, coordinato dal luminare Richard Frackowiak. Due settimane fa la Kehm aveva rotto il lungo silenzio sulla situazione di Michael affermando che prosegue nelle cure con piccoli progressi di un lungo percorso. Con la bella stagione, Michael può stare esposto per qualche ora all’aria aperta. Buone notizie che lasciano ben sperare sul futuro del pilota.


Riproduzione non consentita ©
 


 
www.italianews.org - Comunicazione e giornalismo

Formula Uno 2015, la Ferrari conquista la Malesia: Strategia vincente per Vettel e il team del cavallino
La Ferrari torna alla vittoria, grazie alla strepitosa gara di Sebastian Vettel
che in Malesia centra il primo trionfo in rosso, nel secondo GP con la monoposto del Cavallino

ROMA (Italy) - Sebastian Vettel (Ferrari) domina il Gp della Malesia, seconda gara del Mondiale. La casa di Maranello torna così al successo dopo un digiuno di quasi 2 anni (ultima vittoria Alonso nel Gp di Spagna del 12 maggio 2013). Il 4 volte iridato precede le Mercedes di Hamilton e Rosberg; ottimo quarto Raikkonen. Hamilton, partito in pole, prende subito il comando. Raikkonen buca un pneumatico e deve fermarsi. Al 5° giro Vettel prende decisamente la testa e, grazie anche alla strategia di 2 soste invece che 3, conquista il 40°successo della carriera.

La cavalcata di Vettel è implacabile. Il tedesco si prende anche la soddisfazione di doppiare le Red Bull di Ricciardo e Kvyat. Mentre per le Mercedes le posizioni sono ormai congelate.


E' il 38° giro, quando Vettel si ferma per l'ultimo cambio gomme, montando le dure. Un pit-stop veloce e perfetto, che consente a Seb di rientrare alle spalle di Hamilton; tenendo la posizione di un soffio su Rosberg, costretto ad accodarsi alla Rossa. Lewis si ferma il giro successivo, ma non monta la morbide. Troppi giri ancora da fare e la Mercedes va sul sicuro. Nel team radio, però, l'inglese si lamenta "avete sbagliato la mescola...". La risposta del muretto: "E' l'unica scelta che avevamo...". E' così che Vettel si ritrova al comando con +3.6 su Nico e +14.5 su Lewis. Al giro 42 si ferma Rosberg che, però, monta un treno di morbide nuove. Segno della volontà di fare un finale tutto d'attacco, nonostante il ritardo accumulato dopo la sosta.

La cavalcata di Vettel è implacabile. Il tedesco si prende anche la soddisfazione di doppiare le Red Bull di Ricciardo e Kvyat. Mentre per le Mercedes le posizioni sono ormai congelate. L'ultimo brivido lo regala Bottas, che si fa sotto e sfila il quinto posto a Massa poco prima del traguardo. Ma la festa è tutta per Sebastian Vettel, che sotto la bandiera a scacchi esulta e urla in italiano: "Forza Ferrari!". Il muretto box di Maranello lo applaude. Si interrompe così un digiuno durato due anni. Hamilton e Rosberg si accontentano del podio, pensando già che difendere il titolo quest'anno non sarà facile. Il quarto posto di Raikkonen, dopo una rimonta maiuscola, conferma che la Ferrari c'è, è tornata.

Non ho parole, l'anno scorso non è stato un buon anno per me, la macchina era buona ma non riuscivamo a tirarne fuori una bella prestazione. Questa macchina - continua - sembra calzarmi davvero a pennello. Grossi cambiamenti ma la squadra ha lavorato in modo fenomenale, mi ha dato una accoglienza straordinaria sin dal primo giorno", ha proseguito un raggiante Vettel. "Mi ricordo quando si sono aperte le porte a Maranello, è stato come un sogno che si avverava, io da bambino guardavo Schumacher che guidava la sua Ferrari, era il mio mito e io guido quella macchina oggi, è incredibile".

Vettel: "Oggi la gara ha dimostrato l'attenzione di tutta la squadra, un'ottima strategia, davvero grazie alla squadra e a tutti coloro che lavorano a Maranello, è stata una giornata bellissima", ha continuato un emozionato Vettel sul podio. "Vincere il Mondiale? Io ho firmato per quello, è la nostra missione, riportare il campionato mondiale a Maranello. Per oggi ci godiamo la giornata, sappiamo che questi ragazzi sono comunque fortissimi, saranno difficili da sconfiggere, ma abbiamo fatto un ottimo lavoro qui e lo dobbiamo fare per tutto il resto dell'anno, continuare così, vedremo come andrà, per ora voglio godermi la giornata...".


Riproduzione non consentita ©
 



 
www.italianews.org - Comunicazione e giornalismo

Via al mondiale di F1: Mercedes dominano libere in Australia, bene le Ferrari
Presentata la nuova Ferrari SF15-T. Saranno 20 i piloti al via del Mondiale 2015 di Formula Uno

ROMA (Italy) - Si apre nel segno delle Mercedes il Mondiale 2015 di Formula 1. Nelle seconde prove libere della tappa inaugurale, il Gp d'Australia, che si terra' domenica all'Albert Park di Melbourne (5.303 metri, 30 giri per un totale di 307,574 Km), Nico Rosberg e Lewis Hamilton sono stati gli unici a girare sotto l'1"28. Il tedesco ha chiuso con il miglior crono di 1'27"697, precedendo il britannico e iridato in carica, secondo in 1'27"797. Inizio incoraggiante anche per la Ferrari: il tedesco Sebastian Vettel e' terzo in 1'28"412 davanti al finlandese Kimi Raikkonen, quarto in 1'28"842.

Saranno 20 i piloti al via del Mondiale 2015 di Formula Uno.
Dopo 5 anni le strade di Alonso e della Ferrari si sono divise, con lo spagnolo che è approdato in McLaren (in coppia con il confermato Button) ed è stato sostituito alla guida della rossa da Sebastian Vettel, che avrà come compagno di squadra Raikkonen.


Quinta la Williams dell'altro scandinavo Valtteri Bottas (1'29"265), sesta la RedBull del russo Daniil Kvjat (1'30"016), settima la Roro Rosso di Carlos Sainz jr (1'30"071), ottava e nona le Lotus del venezuelano Pastor Maldonado (1'30"104) e del francese Romain Grosjean (1'30"205). Conclude la top ten la Force India del tedesco Nico Hulkenberg (1'30"473). Lontane le due McLaren: il britannico Jenson Button e' 13esimo in 1'31"387, il danese Kevin Magnussen e' 16esimo in 1'33"289. Le Mercedes si erano aggiudicate anche la prima sessione di libere, sempre con Rosberg davanti a Hamilton. Vettel si era piazzato quinto, Raikkonen ottavo.

Per il terzo anno di fila l'esclusiva sulle gare di FORMULA1 è detenuta da Sky. La piattaforma satellitare offre ai suoi abbonati una copertura totale del weekend che porta ad ogni Gp: si inizia con trasmissioni di preview passando ad approfondimenti, live di libere e qualifiche fino alla gara di domenica. A fine corsa tanta carne al fuoco con le impressioni a caldo, interviste, analisi dei momenti salienti e repliche. Sky possiede i diritti dei 20 Gran Premi in calendario anche se la Rai ne offrirà in chiaro 9 di questi.

15 marzo: GP Australia (Melbourne)
29 marzo: GP Malesia (Sepang)
12 aprile: GP Cina (Shangai)
19 aprile: GP Bahrain (Sakhir)
10 maggio: GP Spagna (Barcellona)
24 maggio: Monaco (Montecarlo)
7 giugno: GP Canada (Montreal)
21 giugno: GP Austria (Spielberg)
5 luglio: GP Gran Bretagna (Silverstone)
19 luglio: GP Germania (Nurburgring)
26 luglio: GP Ungheria (Budapest)
23 agosto: GP Belgio (Spa-Francorchamps)
6 settembre: GP Italia (Monza)
20 settembre: GP Singapore (Marina Bay)
27 settembre: GP Giappone (Suzuka)
11 ottobre: GP Russia (Sochi)
25 ottobre: GP Stati Uniti (Austin)
1 novembre: GP Messico (Mexico City)
15 novembre: GP Brasile (Interlagos)
29 novembre: GP Abu Dhabi (Yas Marina)

E' stata presentata la nuova Ferrari SF15-T, la 'rossa' che competerà nel prossimo campionato di Formula 1 2015. L'intera presentazione è stata trasmessa in streaming sul sito della casa automobilistica di Maranello. A guidarla saranno il tedesco Sebastian Vettel, alla sua prima stagione in Ferrari, e il finlandese Kimi Raikkonen. Dopo un conto alla rovescia sul sito della Ferrari è apparsa la nuova vettura in un video. I vertici di Maranello hanno optato per una presentazione social, lanciando l'hashtag #RedRev2015. Il nome è composto dall'acronimo 'SF' che sta per Scuderia Ferrari, 15 ossia l'anno di costruzione e dalla T che è un riferimento al Turbo. E' la prima Rossa di Sergio Marchionne, che ha preso il posto di Luca Cordero di Montezemolo al vertice della Scuderia, ma soprattutto la prima di Sebastian Vettel. Il tedesco si è detto affascinato ed emozionato: "Sarà una nuova esperienza, la vettura sembra bellissima. Vedere come le cose prendono forma è sempre qualcosa di speciale. Ogni anno quando c'è una nuova monoposto vedi i primi pezzi e poi la vettura completamente assemblata. Penso sia sempre un momento speciale e non vedo l'ora di scendere in pista per vedere come si comporta".

Saranno 20 i piloti al via del Mondiale 2015 di Formula Uno. Nessuna novità in casa Mercedes, che si presenta con la stessa coppia dello scorso anno, ovvero il campione in carica Lewis Hamilton e Nico Rosberg. Non ci sono cambiamenti neanche in casa Williams (dove le due monoposto verranno affidate nuovamente a Massa e Bottas), Force India (confermati Hulkenberg e Perez come guide) e Lotus (con Grosjean e Maldonado). Discorso differente invece per le altre scuderie. Dopo 5 anni le strade di Alonso e della Ferrari si sono divise, con lo spagnolo che è approdato in McLaren (in coppia con il confermato Button) ed è stato sostituito alla guida della rossa da Sebastian Vettel, che avrà come compagno di squadra Raikkonen. Alla Red Bull hanno deciso di puntare forte su Ricciardo a cui hanno affiancato il giovane Kvjat, promosso dalla Toro Rosso. La "succursale" della scuderia austriaca continua a sposare la linea verde e per questa stagione farà esordire Carlos Sainz Jr. e Max Verstappen (che con i suoi 17 anni diventerà il più giovane pilota ad aver mai partecipato a una gara del mondiale di F1). Saranno al debutto anche Felipe Nasr alla volante della Sauber (insieme ad Ericsson) e lo spagnolo Roberto Merhi alla guida della Manor (la ex Marussia). Quest'ultimo avrà come compagno il britannico Will Stevens, che nella passata stagione ha disputato il primo GP della sua carriera nell'ultimo appuntamento della stagione ad Abu Dhabi, alla guida della Caterham.


Riproduzione non consentita ©