www.italianews.org - Comunicazione e giornalismo

Le cure termali per prepararsi all'estate. Gli effetti benefici delle acque
Le più belle terme gratuite e libere d'Italia per immergersi nelle acque calde e curative

ROMA (Italy) - Terme per benessere e scopi curativi. Terme per la salute mentale o semplicemente come effetto sociale o di aggregazione sociale. Terme per uno e tanti motivi. Ecco tanti buoni motivi per recarsi alle cure termali. I luoghi delle terme gratuite e gli effetti benefici riconosciuti da millenni.

La provincia di Viterbo vanta un ricco bacino termale, dove è possibile trovare molte zone libere per godere i piaceri delle terme a stretto contatto con la natura. Tra queste ci sono le terme di Bagnaccio, situate in aperta campagna e dalle cui vasche si possono ammirare distese di prati fino a vedere la catena dell'Appennino. Le terme del Bullicame sorgono in un cratere in cui l'acqua sgorga in modo impetuoso perché la portata è molto elevata. L'area termale delle Piscine Carletti comprende alcune vasche alimentate da numerosi rigagnoli d'acqua a 58°C trasparente e limpida. Sono molto frequentate anche durante la settimana, soprattutto la sera con il chiaro di luna. Si trovano a meno di 3 km da Viterbo.


Anche la zona dei Siena offre numerose occasioni per gli amanti dei bagni caldi "al naturale". Bagni San Filippo è famosa per le sue sorgenti libere, situate in una zona verde vicino al Monte Amiata, molto frequentate soprattutto da persone del luogo. L'acqua contiene una sostanza polverosa bianca che rimane sulla pelle trasformando i bagnanti in piccoli fantasmi, un'immagine suggestiva soprattutto la sera. Le terme naturali comprendono anche piccole pozze e cascatelle. Petriolo è una famosa località termale ricchissima di acque minerali ad azione curativa. Oltre alle terme a pagamento, si può usufruire gratuitamente delle terme libere, l'acqua calda è a 43°C. Solo da vedere: Bagno Vignoni, un antico borgo con una vasca termale proprio nel mezzo della piazza principale. Gli abitanti preferiscono che non venga più usata per questioni di decoro. Verso il fiume Orcia, però, si trova una seconda piscina termale dove è possibile sostare, usufruendo dei benèfici effetti delle acque solfuree.

La Toscana offre uno scenario d'eccezione ancora con le terme di San Casciano (Firenze) e le Cascate del Mulino vicino a Saturnia (Grosseto). Ricordiamo invece una località della Sardegna, vicino a Oristano: Fordongianus sul fiume Tirso, conosciuta fin dai tempi antichi, grazie alle sue fonti ipertermali. E nel Nord Italia le Terme di Bormio (Sondrio), le vasche libere raccolgono la caldissima acqua termale proveniente dalla parete rocciosa. Il paesaggio circostante è molto suggestivo e lo spettacolo invernale delle terme con la neve è imperdibile. Non molto lontano dalle terme libere ci sono le famose strutture termali a pagamento con i Bagni Vecchi e i Bagni Nuovi.

Fin dalle epoche più antiche, l’uomo ha fatto ricorso alle acque termali come cura per i più svariati disturbi del corpo. L’acqua termale – una sostanza alcalina contenente zolfo, iodio, cloro, ferro, elementi di calcio e microelementi di altre sostanze – può essere classificata secondo diversi parametri: virtù terapeutiche, caratteristiche chimiche e fisiche, qualità chimico-fisiche.

A seconda della composizione delle varie acque termali, possiamo trovare un rimedio per quasi ogni tipo di patologia: le malattie delle vie respiratorie, dell’apparato gastroenterico, le malattie dermatologiche, i reumatismi, le artrosi, le nevralgie, le infiammazioni delle articolazioni, i disturbi ginecologici, le malattie vascolari, i disturbi dell’apparato urinario ma anche per curare fratture e strappi muscolari. Infatti le acque termali si rivelano molto adatte nei casi di riabilitazione, grazie alla benefica azione dello zolfo sulle cartilagini articolari e alla capacità antinfiammatoria del bicarbonato di sodio.

Ampiamente diversificato è anche il campo dei metodi d’impiego dell’acqua termale, che può essere assunta come bevanda, per irrigazione, per inalazione, o sfruttata per praticare bagni termali o minerali, bagni di ozono, docce, saune, impacchi di fango e massaggi subacquei.

Pur se gli effetti benefici di una cura termale possono farsi sentire entro breve tempo, affinché la cura sia davvero efficace dovrebbe avere una durata media di almeno una decina di giorni, da ripetersi per alcuni anni. Inoltre, dato che nei centri termali si effettuano anche cure di bellezza, il periodo di cura può essere impiegato dal paziente anche per motivi estetici. Per le donne, la cura termale è tuttavia da evitare durante la gravidanza e in caso di pap test positivo.


Riproduzione non consentita ©