www.italianews.org - Comunicazione e giornalismo

Il Governatore di Puglia Emiliano a Brindisi per tentare di risanare un territorio avvolto da nuvole scure
L'incontro con la Stampa e le istituzioni: amo Brindisi e lotto anche par valorizzarla

ROMA (Italy) - La Giunta regionale della Puglia si è oggi riunita a Brindisi, presso il palazzo della Provincia. Si tratta di una "Giunta territoriale", durante la quale il presidente Michele Emiliano e gli assessori hanno incontrato i rappresentanti istituzionali locali e le forze sociali per esaminare le varie problematiche e le proposte a livello provinciale.

All'evento erano presenti tutti i componenti della Giunta Regionale, Consiglieri Regionali, Parlamentari brindisini nonché Presidente della Giunta provinciale e i consiglieri. Forte la presenza degli operai che all'esterno del Palazzo Provinciale hanno inscenato una pacifica manifestazione di protesta in favore dell'occupazione. Significativo l'abbraccio tra Emiliano e Bobo Aprile che strenua le sue forze in difesa di tutti i lavoratori del territorio.


"Sono qui come presidente della Regione, non individuo candidati sindaci": così il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, ha risposto a Brindisi ai giornalisti che gli chiedevano un commento sul futuro politico della città, dopo l'arresto del sindaco Cosimo Consales. Emiliano è a Brindisi dove ha presenziato, nel palazzo della Provincia, una riunione della giunta regionale pugliese. "E' una vera e propria giunta formale - ha sottolineato il governatore - ed è un atto molto rilevante, che credo non abbia precedenti nella città di Brindisi e che è molto utile soprattutto a noi per conoscere bene nel dettaglio tutto quello che succede nella provincia, perché solo in questa maniera posso svolgere la mia funzione. A Brindisi non manca niente per affrontare il futuro".

"Dopo la prima giunta territoriale che abbiamo riunito a Taranto - dichiara il presidente Emiliano - adesso è la volta di ascoltare i principali attori della provincia di Brindisi. Avvicinare l'attività della Giunta ai territori è stato un preciso impegno preso durante la campagna elettorale. Il percorso va avanti e proseguirà per tutto il mandato coinvolgendo tutte le province. Mantenere un filo diretto con le comunità, recarsi nei diversi luoghi per parlare di temi e questioni specifiche, accorciare le distanze tra assessori regionali e istituzioni locali sono elementi che caratterizzano questa amministrazione regionale".

Rifiuti, urbanistica, lotta alla criminalità ed economia. Questi sono solo alcuni degli argomenti che sono stati affrontati oggi secondo l'introduzione del governatore Emiliano. Il presidente della Regione Puglia raccconta del suo incontro con i lavoratori Versalis, che si trovano all'esterno della Provincia. E solo pochi giorni fa Emiliano - durante l'incontro con la Commissione Antimafia . aveva citato: "Nel territorio di Brindisi la situazione è "particolarmente difficile, è il territorio in cui nasce la Sacra Corona Unita" ed ha sottolineato come si assista al "ritorno sulla scena di personaggi già processati". Inutile dire che ha evitato di parlare di Politica e delle prossime elezioni anticipate a Brindisi (scaturite dall'arresto dell'allora Sindaco Mimmo Consales - attualmente ancora ai domiciliari - ndr) che vedranno schierate e contrapposte diverse liste civiche in formazione proprio in queste ore.

All'evento erano presenti tutti i componenti della Giunta Regionale, Consiglieri Regionali, Parlamentari brindisini nonché Presidente della Giunta provinciale e i consiglieri. Tra i Sindaci del territorio sono intervenuti quelli di Carovigno, Ceglie Messapico, Cellino San Marco, Cisternino, Erchie, Francavilla Fontana, Latiano, Mesagne, Oria, Ostuni, San Donaci, San Michele Salentino, San Pancrazio Salentino, San Pietro Vernotico, San Vito dei Normanni, Torchiarolo, Villa Castelli. Forte la presenza degli operai che all'esterno del Palazzo Provinciale hanno inscenato una pacifica manifestazione di protesta in favore dell'occupazione. Significativo l'abbraccio tra Emiliano e Bobo Aprile che strenua le sue forze in difesa di tutti i lavoratori del territorio. (Ilaria Digiacomo, Giorgio Esposito)


Riproduzione non consentita ©
 



 
www.italianews.org - Comunicazione e giornalismo

Arrestato il Sindaco di Brindisi Cosimo Consales per una indagine sulla gestione dei rifiuti
Il primo cittadino era stato eletto nel giugno 2012 nelle liste del Partito Democratico

ROMA (Italy) - Il sindaco di Brindisi Cosimo Consales, un imprenditore e un commercialista sono stati arrestati dalla polizia nell'ambito di un'indagine relativa alla gestione dei rifiuti. Nei confronti del primo cittadino e del commercialista sono stati disposti gli arresti domiciliari, mentre per l'imprenditore il Gip ha emesso un'ordinanza di custodia cautelare in carcere. I tre sono accusati, in concorso, di abuso d'ufficio, corruzione, concussione e truffa. Consales era stato eletto a maggio del 2012 con il centrosinistra, ma a novembre del 2013 si era autosospeso dal Pd in seguito a un'indagine sull'affidamento del servizio di comunicazione istituzionale e della rassegna stampa.


Il sindaco di Brindisi Cosimo Consales è stato arrestato dalla polizia per abuso d’ufficio e corruzione nell'ambito di un'indagine relativa alla gestione dei rifiuti. L'operazione della Digos, scattata all'alba, ha portato all'arresto anche di un imprenditore e un commercialista. Arresti domiciliari per il primo cittadino e il commercialista. Mentre per l’imprenditore Luca Secreti il gip di Brindisi ha emesso un'ordinanza di custodia cautelare in carcere. I tre sono accusati, in concorso, di abuso d'ufficio, corruzione, concussione e truffa.

Cosimo Consales, si era autosospeso, già dal novembre 2013, dal Partito Democratico a seguito di personali vicende giudiziarie per le quali è in corso il dibattimento. Gli altri due coinvolti nella vicenda sono l'imprenditore Luca Secreti, già amministratore della azienda 'Nubile s.r.l.', incaricata dal Comune di Brindisi per il trattamento, biostabilizzazione e produzione Cdr-Css dai rifiuti urbani e il commercialista Massimo Vergara.

L’inchiesta, particolarmente articolata e complessa, iniziata nell’anno 2013, è stata coordinata dalla Procura ordinaria di Brindisi. Sono in corso numerose perquisizioni personali e domiciliari, nonché il sequestro dell’impianto di biostabilizzazione e produzione Cdr-Css dai rifiuti urbani che si trova nella zona industriale di Brindisi. Tutto il materiale sequestrato sarà oggetto di ulteriori approfondimenti investigativi.


Sequestrato l'impianto di rifiuti I poliziotti della Digos stanno anche procedendo al sequestro dell'impianto di biostabilizzazione dei rifiuti che si trova sulla via per Pandi e che era precedentemente in affidamento alla Nubile di Luca Screti, l'imprenditore ora in carcere coinvolto nell'inchiesta che ha portato all'arresto del sindaco Consales, prima che per inadempienze contrattuali il Comune avviasse la procedura di rescissione del contratto. Ad accelerare il percorso e' stata poi la Regione Puglia che ne ha sottratto l'affidamento alla Nubile per far subentrare l'Amiu, dopo il commissariamento dell'Organo di governo d'ambito.

E' per Brindisi la seconda volta in cui un sindaco in carica viene arrestato. Prima di Consales, che ha ottenuto i domiciliari, toccò a Giovanni Antonino nell'ottobre del 2003. Antonino era stato da poco rieletto e, dopo un ribaltone, si trovava al vertice di una coalizione di centrosinistra. Fu arrestato a Roma e condotto in carcere. Anche all'epoca le accuse contestate furono di corruzione, concussione e truffa. Il processo che seguì fu ribattezzato la 'Tangentopoli brindisina'. Si concluse con il patteggiamento a tre anni e sei mesi di reclusione che Antonino scontò in parte in carcere.

Il Governatore della Puglia Emiliano alla notizia ha voluto sintetizzare: "Il Pd gli aveva tolto fiducia proprio per le irregolarita' nella gestione dei rifiuti. Ringrazio il commissario del Pd di Brindisi, Sandra Antonica, per l'opera di ripristino della legalita' che ha condotto in questi mesi di duro lavoro". ha scritto su Twitter il presidente della Regione Puglia e segretario uscente del Pd pugliese, Michele Emiliano.


Riproduzione non consentita ©

Emirates si espande e con Panama City offrirà il volo no-stop più lungo della storia aerea: 17 ore e mezza. Il colosso aereo medio orientale aggiunge nuove destinazioni al suo già ricchissimo "global router". (Continua...)