www.italianews.org - Comunicazione e giornalismo

Ricercatrice italiana attacca il Ministro dell'Istruzione su Facebook:
Giannini non si vanti dei miei risultati, non le appartengono, l'Italia ci ha sbattuto la porta in faccia
Vincitrice con altri colleghi di un bando europeo, bacchetta la ministra che si era vantata della nazionalità


ROMA (Italy) - Il durissimo smacco per la Giannini che nel Governo Renzi è titolare del ministero Istruzione e Ricerca Scientifica. "Ministra, la prego di non vantarsi dei miei risultati". Inizia così una durissima lettera di una ricercatrice delusa indirizzata al ministro Stefania Giannini, senatrice titolare del dicastero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca. A scrivere su Facebook è Roberta D'Alessandro, fra i vincitori - con i colleghi Francesco Berto e Arianna Betti - del prestigioso bando europeo ERC Consolidator e in polemica con le dichiarazioni di Giannini proprio per un commento entusiasta del ministro ai risultati del bando che vede l'Italia terza per numero di assegnatari della borsa e prima per numero di ricercatrici vincitrici.


Giannini: "Un'altra ottima notizia per la ricerca italiana. Colpisce positivamente - aveva infatti scritto ieri il ministro sulla pagina Facebook ufficiale - il dato del numero di borse totali ottenute dai nostri ricercatori, che ci posiziona al terzo posto insieme alla Francia. Ma, soprattutto, colpisce il fatto che siamo primi per numero di ricercatrici che hanno ottenuto un riconoscimento. Complimenti ai nostri ricercatori e alle nostre ricercatrici!".

Un entusiasmo per nulla condiviso dalla ricercatrice, che sul social prende le distanze dal ministro e mette nero su bianco tutta l'indignazione per aver festeggiato quei "risultati che italiani non sono": "La mia ERC e quella del collega Francesco Berto - spiega infatti D'Alessandro, ormai residente all'estero - sono olandesi, non italiane. L'Italia non ci ha voluto, preferendoci, nei vari concorsi, persone che nella lista degli assegnatari dei fondi ERC non compaiono, né compariranno mai. E così, io, Francesco e l'altra collega, Arianna Betti (che ha appena ottenuto 2 milioni di euro anche lei, da un altro ente), in 2 mesi abbiamo ottenuto 6 milioni di euro di fondi, che useremo in Olanda. L'Italia ne può evidentemente fare a meno. Prima del colloquio per le selezioni finali dell'ERC - racconta ancora la ricercatrice -, ero in sala d'aspetto con altri 3 italiani. Nessuno di noi lavorava in Italia. Immagino che qualcuno di loro ce l'abbia fatta, e sia compreso nella sua "lettura personale" della statistica".

"Abbia almeno il garbo - attacca quindi D'Alessandro - di non unire, al danno, la beffa, e di non appropriarsi di risultati che italiani non sono. Proprio come noi. Vada a chiedere alla vincitrice del concorso per linguistica informatica al Politecnico di Milano (con dottorato in estetica, mentre io lavoravo in Microsoft), quante grant ha ottenuto. Vada a chiedere alle due vincitrici del concorso in linguistica inglese, senza dottorato, alla Statale di Milano, quanti fondi hanno ottenuto. Vada a chiedere alla vincitrice del concorso di linguistica inglese, specializzata in tedesco, che vinceva il concorso all'Aquila (mentre io lo vincevo a Cambridge, la settimana dopo) quanti fondi ha ottenuto. Sono i fondi di queste persone che le permetto di contare, non i miei".

Roberta D'Alessandro e attualmente professore presso LUCL - Linguistics in Leiden e Chair of Italian Language and Culture presso Università di Leida - precedentemente: University of Cambridge - Ha studiato presso Darwin College Cambridge 2005 - 2007. Since 2014, member of the Global Young Academy, where I will serve for 5 years. The GYA provides a rallying point for outstanding young scientists from around the world to come together to address topics of global importance. Global Young Academy activities focus on science and policy, education and outreach, open science, and the research environment. I'm a member of the Jonge Akademie, the Young Academy of the Royal Netherlands Academy for Arts and Science (KNAW). Until April 2015, I was board member and international officer of the JA. At the moment, I am active in the WG Internationalization, and in the setup of a workshop on Implementing measures to fill the gender gap in academia. I have been elected member of the committee on Freedom and Responsibility in the Conduct of Science of the ICSU. I will serve from 1 October 2015 for 3 years.


Riproduzione non consentita ©

Emirates si espande e con Panama City offrirà il volo no-stop più lungo della storia aerea: 17 ore e mezza. Il colosso aereo medio orientale aggiunge nuove destinazioni al suo già ricchissimo "global router". (Continua...)