www.italianews.org - Comunicazione e giornalismo

Sanremo, per ora vince Ezio Bosso: “Ricordatevi che la musica è come la vita, si può fare solo insieme”
Tra presentatori inutili (pagati dai contribuenti italiani) e canzoni improponibili il festival si avvia al culmine

ROMA (Italy) - Le parole e la musica di Ezio Bosso, il pianista, compositore e direttore d'orchestra di fama internazionale affetto da Sla, incantano e commuovono il Teatro Ariston. Prima di eseguire al piano il pezzo con cui apre tutti i suoi concerti in giro per il mondo, 'Following a bird', l'artista ha parlato con Carlo Conti di arte, di vita e del suo ultimo album 'La 12ma stanza'. Accolto da una standing ovation, prima di congedarsi l'artista ha detto: "ricordatevi che la musica come la vita si può fare in un modo solo: insieme".

Ma chi è Ezio Bosso? Un artista forse più conosciuto all'estero che in Italia, innanzitutto. Ha diretto, tra le altre orchestre: London Symphony, London Strings, Orchestra del Teatro Regio di Torino, Filarmonica '900 e l'Orchestra dell'Accademia Nazionale di Santa Cecilia.


Serata trionfale con standing ovation per Ezio Bosso il musicista torinese affetto da patologia autogenerativa che nonostante la malattia sta tenendo concerti in giro per il modo. Bosso ha primacommosso tutti per la forza e l’ironia delle sue parole nonostante la sua grave malattia, che lo ha colpito nel 2011, per poi suonare dal vivo un pezzo al pianoforte dal suo ultimo lavoro 12 Stanze.

Ad aprile Ezio Bosso sarà in concerto in piano solo nei teatri con "The 12th room tour" prodotto e organizzato da Intersuoni Srl, divisione Booking & Management Unit Bmu. L'8 aprile sarà all'Auditorium del Conservatorio di Cagliari, il 12 all'Auditorium Parco della Musica di Roma, il 14 al Teatro Ermete Novelli di Rimini, il 16 al Teatro Ristori di Verona, il 19 al Teatro Puccini di Firenze e il 22 al Teatro Toniolo di Mestre. Agli appuntamenti in Italia si aggiungono gli impegni all'estero: il 12 febbraio, debutterà il nuovo spettacolo del Royal Ballet con le musiche di Ezio Bosso "Within the Golden Hour" di Christopher Wheeldon alla Royal Opera House di Londra, sabato 13 Ezio Bosso dirigerà la Lituanian Chamber Orchestra al Teatro Filarmonico di Vilnius con la partecipazione del violinista Sergey Krylov. Durante il tour Bosso presenterà il suo disco d'esordio "The 12th room" (Egea Music). Registrato quasi interamente live a settembre 2015, durante i concerti al Teatro Sociale di Gualtieri di Reggio Emilia, è un concept album composto da due cd: un primo disco con 4 brani inediti e 7 di repertorio pianistico, ognuno rappresenta metaforicamente le fasi che attraversiamo nella vita, e un secondo disco con la Sonata No. 1 in Sol Minore che simboleggia la dodicesima stanza. "Questi brani, come sempre nelle mie scelte, rappresentano un piccolo percorso meta-narrativo - ha spiegato Ezio Bosso - c'è una teoria antica che dice che la vita sia composta da 12 stanze, nessuno può ricordare la prima perché quando nasciamo non vediamo, ma pare che questo accada nell'ultima che raggiungeremo. Quindi si può tornare alla prima e ricominciare".

Ma chi è Ezio Bosso? Nato nel 1972 e avvicinatosi giovanissimo alla musica Nel 1985 è diventato il bassista dello storico gruppo degli Statuto, con cui è stato per tre anni per poi dedicarsi alla musica classica diventando uno dei musicisti-compositori italiani più famosi al mondo, autore di colonne sonore per Gabriele Salvatores, pluripremiato e acclamato in tutto il mondo. Negli anni ‘90, pur giovanissimo si esibisce come solista e direttore in tutto il mondo: dalla Carnegie Hall di New York all’Opera di Sydney, dal Palacio de las Bellas Artes di Città del Messico al Palais des Beaux Arts di Bruxelles. Tiene corsi in Giappone e a Parigi partecipando alla vita musicale della scena contemporanea di quegli anni con Gerard Caussèe, Pierre Yves Artaud, Laura Chislett. Un artista forse più conosciuto all'estero che in Italia, innanzitutto. Ha diretto, tra le altre orchestre: London Symphony, London Strings, Orchestra del Teatro Regio di Torino, Filarmonica '900 e l'Orchestra dell'Accademia Nazionale di Santa Cecilia. Ha vinto premi importanti come il Green Room Award in Australia o il Syracuse NY Award in America, la sua musica viene richiesta nella danza dai più importanti coreografi come Christopher Wheeldon, Edwaard Lliang o Rafael Bonchela, nel teatro da registi come James Thierrèe mentre nel cinema con registi come Gabriele Salvatores. con lui stringe un sodalizio di cui firma le colonne sonore di Io Non Ho Paura, Quo Vadis Baby ? e il recentissimo 'Il Ragazzo Invisibile'.


Riproduzione non consentita ©

Emirates si espande e con Panama City offrirà il volo no-stop più lungo della storia aerea: 17 ore e mezza. Il colosso aereo medio orientale aggiunge nuove destinazioni al suo già ricchissimo "global router". (Continua...)