www.italianews.org - Comunicazione e giornalismo

La morte di Prince, increduli i milioni di fans. Eletto tra i cento migliori artisti della storia musicale
Prince Rogers Nelson "il folletto" aveva conquistato la notorietà negli anni 70' e 80'

ROMA (Italy) - E' morto Prince. Il re del pop, 57 anni, è stato trovato senza vita nella sua casa di Minneapolis in Minnesota. La notizia è stata diffusa prima dal sito Tmz e poi dai principali media statunitensi. Yvette Noel-Schure, la publicist del cantante, ha confermato il decesso con una dichiarazione a 'Variety'. È di pochi minuti fa la notizia della morte del cantante Prince, trovato esanime nella sua casa a Minneapolis probabilmente per un malore. Prince nasce il 7 giugno del 1958 a Minneapolis. Diventa famoso alla fine degli anni 70, precisamente nel 1978, per essere diventato il più giovane produttore discografico.


Le autorità si sono limitate a dichiarare che c'è stato un decesso oggi a Paisley Park, il complesso situato nel Minnesota dove c'è l'abitazione di Prince e lo studio di registrazione della pop star, ma non hanno voluto confermare l'identità della persona "fino a quando non saranno avvisati i parenti". Precedenti informazioni avevano indicato che Prince era ammalato di influenza già dall'inizio del mese. La scorsa settimana l'aereo privato della star aveva dovuto effettuare un atterraggio d'emergenza a Moline, in Illinois, per consentire all'artista di ricevere cure mediche in ospedale.

Prince ha conosciuto il massimo della notorietà negli anni ottanta e novanta. Prince Rogers Nelson, questo il suo nome completo, nel 2004 era stato inserito dalla rivista 'Rolling Stone' al 27esimo posto della lista dei cento migliori artisti musicali di sempre. Nel 1984 ottiene il successo mondiale con 'Purple Rain', registrato insieme alla sua band, i The Revolution; il film omonimo vince il premio Oscar per la miglior colonna sonora con canzoni originali. 'Purple Rain' vende più di tredici milioni di copie negli Stati Uniti e rimane per ventiquattro settimane consecutive ai vertici delle classifiche. Solo negli Usa il film guadagnò più di ottanta milioni di dollari e fu il più grande successo cinematografico interpretato da Prince.

'Purple Rain' giunse dopo altri cinque album: 'For You' del 1978, 'Prince' del 1979, 'Dirty Mind' del 1980, 'Controversy' del 1981 e '1999' del 1982, inizi di una carriera durante la quale avrebbe realizzato una cinquantina di album, cambiato nome diverse volte, esibito una insaziabile passione per le belle donne e vissuto diversi scontri con le majors della musica, al punto di diventare precursore e alfiere della pubblicazione diretta su piattaforme on line.

È di pochi minuti fa la notizia della morte del cantante Prince, trovato esanime nella sua casa a Minneapolis probabilmente per un malore. Prince nasce il 7 giugno del 1958 a Minneapolis. Diventa famoso alla fine degli anni 70, precisamente nel 1978, per essere diventato il più giovane produttore discografico. La Warner Bros gli affida una sala d’incisione e lui riesce a comporre il suo primo disco, For You, in pochissimo tempo. Il successo arriva nel 1984 con il singolo Purple rain, che gli permette di posizionarsi in testa alle classifiche album, singoli e cinema. L’omonimo film vince infatti anche il premio oscar per la miglior colonna sonora. Il singolo resterà in vetta alle classifiche per 24 settimane consecutive, mentre il film guadagna oltre 80 mln di dollari. Il singolo è ancora molto ascoltato dai nostalgici e dagli appassionati della musica anni ’80. Nei decenni successivi continuerà a produrre ininterrottamente sia film che album, raggiungendo la cifra di 48 album. Nei primi anni 2000 diventa vegetariano e si converte alla religione dei Testimoni di Geova. Fu anche uno dei promotori della musica digitale, i suoi contenuti si potevano infatti acquistare solo ed esclusivamente dal suo sito internet. Gli ultimi due album in ordine di tempo sono stati pubblicati nel 2015: “HITNRUN phase I” e “HITNRUN phase II”.


Riproduzione non consentita ©

Emirates si espande e con Panama City offrirà il volo no-stop più lungo della storia aerea: 17 ore e mezza. Il colosso aereo medio orientale aggiunge nuove destinazioni al suo già ricchissimo "global router". (Continua...)