Redazione
www.italianews.org - Comunicazione e giornalismo


"Arriva la tassa sui morti". Ecco il nuovo provvedimento che colpirà le famiglie italiane
Il parlamento è prolifico: legge elettorale, innalzamento età pensionabile, ius soli, tassa sui morti ...
ma dei provvedimenti "estremi" su violenza alle donne e legittima difesa neppure in calendario

ROMA (Italy) - Alla vigilia del prossimo 2 novembre, giorno in cui si celebrano i defunti, ci troviamo a dover denunciare l'arrivo di una incredibile 'tassa sui morti'". Sono le parole del presidente nazionale del Movimento Difesa del Cittadino Francesco Luongo sul disegno di legge "Disciplina delle attività funerarie" che, proprio in questo giorni, si sta esaminando in Commissione permanente Igiene e Sanità del Senato. La proposta vorrebbe riorganizzare il settore dei funerali e riordinare il sistema cimiteriale ma che in sostanza introduce nuovi costi per i cittadini per il funerale e la sepoltura dei propri cari. In sostanza una nuova "gabella" sulle spalle dei cittadini.


I Tg nazionali li annunciano con titoloni cubitali: storie continue di violenze a donne e bambini e furti con rapine finite male per il ferimento o l'uccisione del criminale. A pagare, però, è sempre la vittima predestinata del delinquere altrui ... in tutti i sensi! Paga per conseguenze fisiche e personali ma anche perchè colpita dalle norme tutte italiane che si prodigano tanto nel restituire prima possibile alla società i criminali. Poco importa se hai diffuso il virus dell' HIV a 30 donne o violentato una bambina oppure hai rapinato due anziani in casa fracassandogli il corpo. La magistratura si difende nell'osservare che le ragioni sono nelle leggi molto/troppo permissive ... e allora cambiamole queste leggi nate dalla penne arroganti e presuntuose di politici senza scrupoli.

La nuova 'tassa' prevede innanzitutto l'applicazione dell'Iva al 10% sui servizi funerari, fino a oggi esenti dall'imposta e persino il pagamento di una sorta di affitto sulla tomba, un contributo annuale che dovrebbe essere pari a 30 euro, destinato a finanziare la vigilanza e il controllo da parte delle aziende locali. Il disegno di legge introduce anche l'obbligo per i Comuni di destinare il 20% della TASI incassata ai cimiteri monumentali affinché possano coprire i loro costi.

Un'altra conseguenza del ddl, aggiunge Luongo, sarà "la riduzione delle agenzie funebri presenti sul territorio in quanto si stabilisce che le imprese che organizzano più di 300 funerali l'anno (fino a 1000) dovranno avere almeno 3 mezzi di proprietà, 6 dipendenti assunti a tempo indeterminato e un direttore tecnico, mentre quelle che organizzano più di 1.000 funerali dovranno possedere 4 carri funebri e avere 12 dipendenti". Le aziende che non si adegueranno alle nuove norme saranno inesorabilmente costrette a chiudere o a essere assorbite da altre imprese più grandi. Tutto questo comporterà inevitabilmente un aumento dei costi dei funerali e del mantenimento dei loculi e cappelle in cui sono sepolti i nostri cari estinti - calcola l'associazione -.


Riproduzione non consentita ©


Emirates migliore linea aerea del mondo. L'annuncio da Skytrax World Airline Awards 2016. Questa è la quarta volta che Emirates vince il miglior riconoscimento da quando i premi sono stati introdotti 15 anni fa; la compagnia ha vinto il primo riconoscimento Skytrax come Migliore compagnia al mondo nel 2001, ancora nel 2002 e nel 2013. In totale, Emirates ha vinto un totale di 20 premi Skytrax World Airline dal 2001. (Continua...)