Redazione
www.italianews.org - Comunicazione e giornalismo


Il voto in Sicilia, dove la politica ha il costo più alto d'Europa. I sondaggi danno vantaggio al M5S
Ritorna la "santa alleanza" Berlusconi-Salvini-Meloni in contrapposizione a grillini e Pd

ROMA (Italy) - Lo spoglio dalle 8 di lunedì, ma subito dopo la chiusura delle urne, domenica sera ci saranno gli exit poll ad animare il dibattito politico fino ai risultati. Cinque i candidati a governatore in corsa: Nello Musumeci per il centrodestra, Giancarlo Cancelleri per il M5s, Fabrizio Micari per il centrosinistra, Claudio Fava per la sinistra e Roberto La Rosa per gli indipendentisti dei 'Siciliani liberi'. Circa 800 i candidati per uno dei 70 posti in Assemblea. Dopo la guerra dei sondaggi, quello più accreditato di Demopolis assegna la vittoria al Movimento 5 Stelle che promette battaglia alla "mala politica" cge regna sovrana nella regione più sprecona d'Europa.


Domenica 5 novembre si aprono le urne per l’elezione del nuovo Presidente della Regione e dei deputati dell’Assemblea Regionale Siciliana. Ai seggi, astensionismo permettendo, sono attesi dalle ore 8 alle ore 22 oltre 4,6 milioni di elettori siciliani. Sono cinque i candidati alla presidenza della Regione a statuto speciale: Giancarlo Cancelleri per il Movimento 5 Stelle, Claudio Fava per la sinistra, Fabrizio Micari per il centrosinistra (Pd + alfaniani), Nello Musumeci per il centrodestra, Roberto La Rosa per la lista autonomista Siciliani Liberi. Centinaia invece i candidati che si contenderanno all’interno delle liste su base provinciale i 70 posti di deputati all'assemblea siciliana.

Secondo tutti i sondaggi quello di domenica sarà un testa a testa tra il candidato del centrodestra Nello Musumeci e quello del Movimento 5 Stelle Giancarlo Cancelleri che sentenzia: "Di cosa ha bisogno la nostra terra? Di tutto. Ebbene, noi faremo tutto." Parte da quest’obiettivo di fondo il programma di rilancio della Sicilia del Movimento guidato da Giancarlo Cancelleri. Tra le misure annunciate, i tagli dei costi della politica, il sostegno alle imprese e alle start up innovative, l’introduzione di un reddito di cittadinanza regionale e quella di un marchio di qualità “Sicura Sicilia” per l’agro-alimentare.

Vitalizi, sprechi della classe dirigente, auto blu, sproporzionato numero dei funzionari ... ecco la trama principale delle elezioni 2017. La Sicilia ha il costo della politica più alto d’Europa come sentenziò nel 2015 la sezione regionale della Corte dei conti. Il bilancio del parlamentino regionale siculo tocca quota 170 milioni, quattro volte quello di Toscana o Emilia-Romagna. Addirittura la spesa per i dipendenti pubblici siciliani ammonta a 2 miliardi quando il totale del costo italiano è di 6 miliardi, un terzo dell'intera nazione.


Riproduzione non consentita ©


Emirates migliore linea aerea del mondo. L'annuncio da Skytrax World Airline Awards 2016. Questa è la quarta volta che Emirates vince il miglior riconoscimento da quando i premi sono stati introdotti 15 anni fa; la compagnia ha vinto il primo riconoscimento Skytrax come Migliore compagnia al mondo nel 2001, ancora nel 2002 e nel 2013. In totale, Emirates ha vinto un totale di 20 premi Skytrax World Airline dal 2001. (Continua...)