Redazione

www.italianews.org - Comunicazione e giornalismo

Tap Lecce, continua la guerriglia tra gli ulivi: nuovi scontri tra polizia e ambientalisti
La costruzione del gasdotto crea continue proteste tra i cittadini contrari alla realizzazione

LECCE (Italy) - Quattro agenti sono rimasti lievemente feriti nel corso dei nuovi disordini che si sono verificati la notte scorsa nella zona vicino al cantiere di San Basilio a san Foca di Melendugno, in provincia di Lecce, dove è in corso di costruzione il gasdotto della Trans Adriatic Pipeline (Tap), molto contestato. Lo rende noto la questura di Lecce, riferendo che il lancio "di grosse pietre in cemento" ha colpito e ferito 4 poliziotti del Reparto Mobile di Reggio Calabria. Gli agenti hanno riportando varie lesioni e contusioni, con prognosi di circa 10 giorni. Gli attivisti No Tap hanno invece riferito che alcuni di loro sono stati portati via dalle forze dell'ordine schierate con scudi e manganelli.


A far scattare nuovamente la protesta, riferisce il movimento No Tap, è stata la costruzione di una recinzione per impedire l'accesso all'area dei lavori. E' lì che alle primissime ore dell'alba, oltre una quarantina di attivisti, hanno interrotto il trasporto dei mezzi di cantiere posizionando all'altezza dell'incrocio grossi pezzi di mattoni cementizi. Il lancio di sassi è avvenuto quando i poliziotti hanno tentato di rimuovere gli ostacoli e - riferisce la Questura - sono dovuti intervenire "con l'utilizzo degli scudi a protezione per il contenimento dei più esagitati al fine di permettere il transito dei veicoli che dovevano raggiungere il cantiere di San Basilio".

La polizia ha arrestato un 51enne di Andrano, peraltro già noto alle Forze dell'ordine e destinatario di foglio di via obbligatorio per tre anni dal comune di Lecce e dal comune di Melendugno con scadenza al 2021, per i reati di resistenza a pubblico ufficiale; getto pericoloso di cose; inottemperanza al foglio di via obbligatorio; lesioni aggravate a pubblico ufficiale. L'uomo, al momento della perquisizione - peraltro video ripresa integralmente da personale della polizia scientifica - è stato trovato in possesso di grosse pietre in cemento, nascoste nelle tasche esterne del giubbotto.

Già a febbraio scorso tafferugli si erano verificati davanti al cantiere del gasdotto della Tap (Trans Adriatic Pipeline) a San Basilio di Melendugno, in provincia di Lecce, tra i gruppi di ambientalisti contrari alla costruzione e all'approdo dell'infrastruttura che si sono opposti al passaggio dei mezzi di Alma Roma, e le forze di polizia. Si tratta di proteste che ora mai si ripetono, cioè da quando la Banca europea degli investimenti ha deciso di concedere un maxi prestito da 1,5 miliardi di euro per la realizzazione del gasdotto. Nelle previsioni il "tubo" partirà dall'Azerbaijan (zona mar Caspio) e attraverserà, tra gli altri, Paesi come Grecia e Albania, per giungere infine, dopo la “traversata” del mar Adriatico, in Puglia e connettersi alla rete Snam.

Secondo Emiliano, che come governatore si è opposto in questi anni all'approdo a Melendugno della Tap, unitamente a quasi tutti i comuni dell'area, la prospettiva a breve-medio termine deve essere quella "di un definitivo abbandono di tutti i combustibili fossili per la produzione di energia”.


Riproduzione non consentita ©
 



Redazione

www.italianews.org - Comunicazione e giornalismo

Gasdotto nel Salento, violenti scontri tra Polizia e manifestanti anti "Tap"
Il Consiglio di Stato: si alla realizzazione che porterà il gas dalla Russia in Europa passando dalle coste italiane

ROMA (Italy) - Soluzione amara e inaspettata per le popolazioni salentine, il Consiglio di Stato, infatti, ha dato il via alla costruzione del gasdotto sulle coste pugliesi del sud. Tutti i sindaci territoriali si sono schierati contro il Tap (Trans adriatic pipeline), che dovrà portare il gas naturale dall'Azerbaijan all'Europa con approdo previsto a San Foca di Melendugno, la località costiera pugliese. Alla costruzione dell'infrastruttura si oppongono le associazioni ambientaliste e la Regione Puglia, anche alla luce degli espianti di 200 ulivi autorizzati dal Ministero dell'ambiente. Contro il criticatissimo impianto il leader 5 Stelle Belle Grillo pronto ad un referendum territoriale.


Via libera dal Consiglio di Stato alla realizzazione del gasdotto dell'Adriatico Tap. Con la sentenza n. 1392, la IV Sezione del Consiglio di Stato ha respinto gli appelli proposti dal Comune di Melendugno e dalla Regione Puglia nei confronti della sentenza del Tar sul Tap, Trans Adriatic Pipeline. Il Consiglio di Stato "ha ritenuto che la valutazione di impatto ambientale resa dalla Commissione Via avesse approfonditamente vagliato tutte le problematiche naturalistiche e che anche la scelta dell’approdo nella porzione di costa compresa tra San Foca e Torre Specchia Ruggeri (all’interno del comune di Melendugno) fosse stata preceduta da una completa analisi delle possibili alternative (ben undici)".

Inoltre è stato escluso che l’opera dovesse essere assoggettata alla 'Direttiva Seveso' ed è stato riconosciuto l’avvenuto rispetto del principio di leale collaborazione tra Poteri dello Stato nella procedura di superamento del dissenso espresso dalla Regione alla realizzazione dell’opera.

Oggi si sono ripresentate le manifestazioni di protesta contro l'espianto di 200 ulivi e violenti scontri si stanno tenendo davanti al cantiere Tap, il gasdotto dell'Adriatico, in località San Basilio, presidiato dalle forze dell'ordine in tenuta antisommossa. Al presidio partecipano anche studenti delle scuole medie superiori, accompagnati da docenti. Gli studenti hanno accolto l'invito del Comitato No Tap a protestare contro la moratoria degli ulivi secolari, autorizzato dal Ministero dell'Ambiente con una nota inviata alla Prefettura di Lecce.

Ieri il Consiglio di Stato ha dato il via libera alla realizzazione del Tap. Respingendo gli appelli proposti dalla Regione Puglia e dal Consiglio comunale di Melendugno, il Consiglio di Stato ha ritenuto che la valutazione di impatto ambientale resa dalla Commissione Via avesse vagliato tutte le problematiche naturalistiche. Riconosciuto anche l'avvenuto rispetto del principio di leale collaborazione tra poteri dello Stato. "La Regione Puglia considera non ottemperata la prescrizione 44, quindi secondo noi lo spostamento degli ulivi è illegittimo, non si può fare. La Regione Puglia non ha però gli strumenti per fermare un lavoro per il quale, con ogni evidenza, il governo ha dato disposizioni alle forze di polizia di favorire questa operazione che il governo stesso considera assolutamente strategica".

Contro la Tap anche Beppe Grillo che rilancia ancora sul suo blog. "Sono stato in Puglia, insieme ai cittadini, per dire no al Tap", scrive il leader Cinquestelle. "Un'opera di fantascienza, un progetto calato dall'alto che minaccia il turismo e le bellezze del Salento. Il Movimento 5 Stelle chiederà un referendum, perché è la cittadinanza che deve decidere se fare un tubo. E' una battaglia di democrazia. Non abbiamo bisogno di energia rinnovabile in più. In Puglia avete il vento, il sole, ve li hanno sfruttati e non vi è arrivata una lira. Non c'è bisogno dell'energia del gas. Faranno un impianto che funzionerà tra 20 anni. Il carburante del futuro è l'intelligenza. Se loro verranno a fare il gasdotto in Puglia da qualsiasi parte, anche con l'Esercito, noi ci metteremo il nostro di esercito".


Riproduzione non consentita ©


Emirates migliore linea aerea del mondo. L'annuncio da Skytrax World Airline Awards 2016. Questa è la quarta volta che Emirates vince il miglior riconoscimento da quando i premi sono stati introdotti 15 anni fa; la compagnia ha vinto il primo riconoscimento Skytrax come Migliore compagnia al mondo nel 2001, ancora nel 2002 e nel 2013. In totale, Emirates ha vinto un totale di 20 premi Skytrax World Airline dal 2001. (Continua...)