Chiara Urselli
www.italianews.org - Comunicazione e giornalismo


I nuovi giovani, mancanza di lavoro o mancanza di “inventiva” nel saperselo creare
Tutti contro tutti in una società che non aiuta. Ecco i migliori consigli per gli impieghi del futuro

ROMA (Italy) - Al giorno d’oggi “lavoro” è sinonimo di “dignità” e quando viene a mancare alimenta nell’individuo un senso di vuoto e di crisi. È facile guardarsi intorno per notare che sono sempre di più i giovani disoccupati e quelli di età avanzata in cassa integrazione, per non parlare dei numerosi commercianti che fanno fatica economicamente. Oggi i giovani si scontrano contro un muro perché per loro non c’è spazio. Ecco quindi una semplice guida per sviluppare iniziative ed i consigli per gli impieghi del futuro secondo la classifica benckmark 2017.


Oltre a questa lotta disperata per la sopravvivenza, è altrettanto facile incontrare personalità prive di energia positiva: scelgono (forse inconsciamente) di aspettare dietro la porta di casa sperando che qualcuno venga a bussare. La celebre e quasi ovvia frase “I tempi sono cambiati”, probabilmente, non è poi così scontata e superficiale. In passato era tutto più semplice, le necessità erano diverse così come lo era il lavoro. Se per la gente impiegata da anni è difficile andare avanti, figuriamoci per chi vorrebbe affacciarsi a questo nuovo mondo.

Oggi i giovani si scontrano contro un muro perché per loro non c’è spazio. Per tanti motivi tendono a lasciarsi andare, non hanno istruzioni per l’uso, continuano a mordersi la coda e restano sempre fermi. Una società che non aiuta genera astio e frustrazione, rendendo inevitabile il “tutti contro tutti”. Proprio partendo da ciò bisognerebbe trovare una soluzione grazie all’ingegno. Se qualcosa non esiste, la si deve creare. Dovrebbe essere questo il punto di svolta per il miglioramento. La chiave, quindi, diventa l’inventiva, cioè comprendere in che modo mettere le proprie capacità al servizio degli altri e offrire un vantaggio alle persone potenzialmente interessate. “L’Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro” lo recita la nostra Costituzione. Un articolo divenuto paradossale nella società attuale, in quanto dovrebbe essere fondata, ormai, sulla ricerca del lavoro.

Proprio per questo, vale la pena citare la recente istituzione del SOL (Sportello Orientamento al Lavoro) ad opera della CGIL e aperto a tutti, anche a chi non è iscritto al sindacato. Si tratta di un punto di informazione e orientamento dedicato ai giovani e alle persone in cerca di lavoro o di re-inserimento nel mercato, offrendo assistenza e consulenza sulle opportunità, sull’apertura della partita iva, sui diritti di lavoratori atipici e precari. Ovviamente questi servizi si avvalgono del supporto di esperti del settore quali psicologi, sociologi ed esperti di comunicazione.

Per chi, invece, vuole ottimizzare le proprie risorse studentesche e passionali, arriva in soccorso la classifica delle lauree più richieste per la fine di questo decennio. Nel prossimo futuro, infatti, il mercato del lavoro italiano punterà sempre di più su competenze qualificate (laureati e diplomati). Di qui al 2020, Unioncamere stima che troveranno lavoro poco più di 2,5 milioni di persone in imprese private ed enti pubblici. In linea con la richiesta di figure ad alta specializzazione, entreranno in attività 787mila laureati (il 31% del totale) e 837mila diplomati (33%). Nel merito ecco la classifica:

Economico Statistico - Nel 2020, saranno i laureati in campo Economico Statistico i più ricercati in assoluto dalle aziende, sia nel pubblico che nel privato. La materia, infatti, è in cima alle aspettative della maggior parte delle aziende.

Medico – Medicina conquista il secondo posto. Con i test sempre più difficili e a numero chiuso, i Medici saranno sempre di meno. Ma ciò non toglie che il fabbisogno dei medici è sempre elevato e perciò meno disoccupati e più lavoro.

Ingegneria – Da sempre sul podio e ora al terzo posto, laurearsi in ingegneria è molto complesso: nel corso dei 3 e poi dei 2 anni, sono moltissimi gli studenti che mollano per passare a facoltà più semplici.

Insegnamento - L’insegnamento è alla base del futuro. Per avere grandi ingegneri, medici, architetti, politici, imprenditori domani, dobbiamo avere oggi una classe di professori e maestri d’élite.

Giuridico - Non solo pratica legale. Le nuove tecnologie apriranno grandi sbocchi per i laureati in Giurisprudenza: giurista di impresa specializzato nel campo startup e imprese digitali, perito di cyber security, carriera internazionale in Agenzie ONU e UE, tribunali internazionali ...

Letterario - I laureati di questo settore se da una parte dovranno sempre fare i conti con i big del settore, dall’altra, entro il 2020, si imporranno con nuove professioni che già oggi stanno emergendo e si stanno affermando a grande velocità.

Politico sociale - L’indirizzo più affascinante per i laureandi del settore è sicuramente quello che porta alla carriera diplomatica, ma da qui al 2020 non sarà quello più richiesto. Restano però aperte interessanti opzioni.

Architettura - Nel 2020 l’instabilità e la paga bassa che oggi sembra essere la regola per i laureati di questo settore sarà solo un ricordo lontano. Non perdete la passione e la creatività e continuate a cercare la soddisfazione che meritate per i vostri incredibili progetti.

Linguistico - Come Psicologia, Lingue è sempre stata additata come una facoltà a basso tasso occupazionale. A parer nostro tale pregiudizio già oggi non avrebbe senso di esistere; il dato incoraggiante è che in futuro non esisterà più: nel 2020 infatti il fabbisogno di laureati in Lingue aumenterà.

Materie Tecniche Scientifiche - Subito dopo i laureati in Psicologia, nel 2020 serviranno anche numerosi laureati nel campo Scientifico. La polivalenza e la flessibilità del metodo di lavoro acquisito durante gli studi rendono i laureati del settore adatti ad inserirsi in tutti i contesti in cui sia richiesta disponibilità ad apprendere, capacità analitiche e di problem solving.

Psicologico - Da sempre citata come una facoltà con un gran numero di disoccupati, nel 2020 arriverà il grande riscatto di questa facoltà e la situazione muterà con un fabbisogno di psicologi in continua crescita.

Chimico-Farmaceutico - Dopo anni di studio preciso e minuzioso, i laureati nel Chimico-Farmaceutico, nel 2020 troveranno spazio.

Geo-Biologico - Al 13esimo posto tra gli indirizzi di studio con il più alto tasso di richiesta di laureati nel 2020, troviamo il ramo Geo-Biologico.


Riproduzione non consentita ©


Emirates migliore linea aerea del mondo. L'annuncio da Skytrax World Airline Awards 2016. Questa è la quarta volta che Emirates vince il miglior riconoscimento da quando i premi sono stati introdotti 15 anni fa; la compagnia ha vinto il primo riconoscimento Skytrax come Migliore compagnia al mondo nel 2001, ancora nel 2002 e nel 2013. In totale, Emirates ha vinto un totale di 20 premi Skytrax World Airline dal 2001. (Continua...)