Italia News Partner
Latest news from Italy and the world




Author
Vincenzo Maggiore
Puglia, regione già "over the top" per il turismo, ora diventa avanguardia anche per nuovi progetti musicali
I salentini "Souled Out" rispolverano il funk anni '70. Punto di forza della band composta da ben 12 elementi,
Ritmica e Fiati mixati da un esplosivo Vocalist

BRINDISI (Italy) - Si respirano atmosfere funky e sonorità anni ’70 nella sala prova dei "Souled Out", ensemble musicale di recente costituzione che trova nella “Lydian Music School” di Mesagne (cittadina dell'arci noto Grande Salento) radici robuste e prerogative importanti; le stesse su cui insiste giornalmente il giovane fondatore della scuola, il M° Pietro Rosato. E’ lui l’ideatore di un progetto musicale finalizzato a unire didattica, spirito di sacrificio e la voglia di portare un gruppo di docenti e allievi a suonare in maniera impeccabile un repertorio complesso. Alla sezione ritmica: Andrea Esperti basso elettrico, Giovanni Facecchia batteria e Alessandro Lunedì chitarra elettrica. Ai Fiati Sax Gianpiero Conserva, Gianpiero Galeone, Pietro Rosato, Simone Rosato, Marco Calabretti e Terence. Trombe: Giulio De Pasquale e Michele Mele. La voce dei “Souled Out” è l’esplosivo Marcello Contessa.

I Souled Out accolgono tra le proprie fila musicisti rodati e nuove leve di indubbio talento che hanno trovato la giusta alchimia attraverso un certosino e continuativo lavoro in sala prove. Non poteva essere altrimenti, perché l’idea di riproporre la musica dei mitici “Tower Of Power” (band californiana tra le più rappresentative del genere) e di altri nomi che hanno reso celebre nel mondo la musica funk, è affascinante quanto ambiziosa.

“Siamo partiti da un repertorio di musica strumentale, ma per uno spettacolo che possa coinvolgere a trecentosessanta gradi il pubblico c’è bisogno di una voce – commenta in proposito il direttore del gruppo e arrangiatore Pietro Rosato abbiamo scelto un sound secco ma comunque saturo, privo di effetti, con un organico che può variare dai sette ai tredici effettivi. L’assenza del piano elettrico ci mette nella condizione di suonare con maggiore attenzione, ma per noi è un aspetto positivo. Non tutte le canzoni riproposte sono note al pubblico, ma il groove che si sprigiona non lascia indifferenti gli ascoltatori”.

Non a caso, le prime uscite non ufficiali della band hanno registrato grandissimo interesse. “Per ora, abbiamo suonato durante lo svolgimento di alcune manifestazioni, appuntamenti che si sono rivelati banchi di prova importanti in attesa delle prime performance ufficiali che arriveranno durante l’estate ormai alle porte – continua Rosato – la cosa che ci dà più soddisfazione è lo spirito di sacrificio condiviso da tutti i musicisti che hanno aderito al progetto, ben consapevoli che il lavoro in sala prove sarebbe stato lungo. Il nostro è un laboratorio in cui le parti vengono affinate giorno dopo giorno. Quando abbiamo iniziato, non tutti erano in grado di riprodurre le note degli spartiti; oggi possiamo dire che il primo step è stato ultimato”.

La sezione ritmica dei Souled Out è composta da tre giovanissimi talenti mesagnesi: Andrea Esperti al basso elettrico, Giovanni Facecchia alla batteria e Alessandro Lunedì alla chitarra elettrica. La sezione dei fiati è formato da due sax alti (Gianpiero Conserva e Gianpiero Galeone), tre sax tenori (il direttore e arrangiatore Pietro Rosato, Simone Rosato e Marco Calabretti), un sax tenore (Terence), il trombettista Giulio De Pasquale e il trombonista Michele Mele. La voce dei “Souled Out” è l’esplosivo Marcello Contessa. Anche lui, proveniente da un panorama completamente diverso, quello del metal, ha accettato la sfida di cimentarsi in questa nuova avventura con grande entusiasmo. E i risultati saranno presto sotto gli occhi di tutti. Anzi, nelle orecchie!


Da Milano a New York con Emirates

Viaggi - Esperienze e Consigli per girare il mondo

Puglia: natura, cultura e gastronomia

Miami Beach News by Italia News

Info e consigli del Ministero degli Esteri italiano
Istituzioni & Sicurezza italiana

Riproduzione non consentita ©