www.italianews.org - L'agenzia internazionale di comunicazione e giornalismo


L'inverno è alle porte, sull'Italia arriva il ciclone Venere
La prima neve sugli appenini per metà settimana

ROMA (Italy) - Ultime ore di clima mite. Due perturbazioni raggiungeranno l’Italia nel fine settimana. Da Domenica sera il Mediterraneo verrà sconvolto da VENERE, un ciclone che si formerà rapidamente e che colpirà duramente il Centrosud per molti giorni, anche con un calo termico notevole generale.

Prime piogge si estendono dal nordovest verso gran parte del nord, prima deboli poi più forti sulla Liguria verso la Lombardia. Sabato transiterà una prima veloce intensa perturbazione al CentroNord diretta poi verso il Sud entro Domenica, con la prima neve in calo a 1500m sulle Alpi orientali. Ma il guasto più importante del tempo si verificherà Domenica pomeriggio quando venti impetuosi dal Nord Europa valicheranno le Alpi e scenderanno prima dalla Valle del Rodano e poi dalla Bocca della Bora innescando il ciclone VENERE nel cuore del Mediterraneo. Neve furiosa si abbatterà sui confini alpini, piogge e temporali colpiranno il Centrosud e la Sicilia dalla sera, i venti soffieranno a 100/h sulla Sardegna in particolare sulle Bocche di Bonifacio. Dalla notte una Bora impetuosissima a 80km/h soffierà sull’altro Adriatico e la neve scenderà di quota 1000m sugli Appennini. LUNEDI e MARTEDI VENERE imperverserà al Centrosud, in particolare al Sud, Sicilia e Adriatiche , le neve cadrà a 1200m sugli Appennini, mentre al Nord e sulla Toscana farà più freddo al mattino, con gelate al Nord nelle valli bassa quota e minime poco sopra a Zero. L’Inverno è alle porte.


Il servizio meteorologico dell’Aeronautica militare comunica le previsioni del tempo sull’Italia per i prossimi giorni. Domenica 10 novembre: – al nord: nuvolosita’ diffusa soprattutto sulle zone alpine centro occidentali e marginalmente sul Piemonte settentrionale con precipitazioni che assumeranno caratteristiche nevose tra i 1200-1400 metri. Le nubi interesseranno anche il resto del nord ma in modo meno diffuso e tenderanno a diradarsi tra Liguria, settori meridionali di Piemonte e Lombardia ed aree piu’ occidentali dell’Emilia Romagna. In serata e nella notte piogge o rovesci attesi tra coste del Veneto ed aree centro-orientali dell’Emilia Romagna. – al centro e Sardegna: nuovo aumento delle nubi su tutte le regioni con piogge inizialmente sparse ma con tendenza a divenire un po’ piu’ diffuse dal pomeriggio tra Marche, Abruzzo, zone interne della Toscana, Umbria orientale e Lazio. Al contempo migliora sull’alta Toscana. – al sud e Sicilia: nuvolosita’ sempre piu’ diffusa e consistente un po’ su tutte le regioni in ulteriore intensificazione sulle regioni tirreniche e sulla Sicilia settentrionale. I fenomeni inizialmente sparsi e di debole intensita’ tenderanno a divenire sempre piu’ diffusi assumendo anche carattere temporalesco tra Campania, Basilicata e Calabria. Temperature: minime in lieve aumento al sud ed in diminuzione sul resto del territorio; massime in generale diminuzione. Venti: di provenienza occidentale in genere forti tra Liguria, Toscana e Lazio, deboli sulle regioni ioniche e moderati altrove con tendenza ad assumere caratteristiche di foehn sulle aree alpine centro-occidentali. Mari: agitati o molto agitati il Mar Ligure, il Tirreno centrale e settentrionale; da poco mossi a mossi lo Ionio e l’Adriatico sottocosta; da mossi a molto mossi i rimanenti mari.

Lunedi’ 11 novembre: maltempo al centro-sud con fenomeni da sparsi a diffusi, specie sulle regioni adriatiche e sulla Sicilia. Le nubi e le precipitazioni saranno accompagnate da venti decisamente sostenuti e in genere settentrionali, salvo ruotare da meridione sulle aree Ioniche, che interesseranno anche il Triveneto la Romagna e la Toscana. Tempo decisamente piu’ stabile e all’insegna di ampie schiarite sul resto del territorio. In tale contesto si assistera’ anche ad una generale diminuzione delle temperature. Martedi’ 12 novembre: maltempo, sottoforma di piogge e rovesci, che si concentra tra Sicilia e regioni meridionali ancora accompagnato da venti abbastanza sostenuti. Stabile, ma in parte ventoso, sul resto del Paese con il cielo che tendera’ a presentarsi sereno o poco nuvoloso. Mercoledi’ 13 e giovedi’ 14 novembre: residuo maltempo al sud, ma in attenuazione. Prevalentemente stabile altrove pur con un po’ di nuvolosita’ che dai settori alpini centro-orientali tendera’ a scorrere verso le regioni adriatiche. Isolata o scarsa risultera’ la fenomenologia associata. (Redazione - 8 novembre 2013 ore 21.00)


Riproduzione non consentita ©


India, impiccagione
per i violentatori

L'Italia degli sprechi.
Aeroporti inutili

Auto blu, 2012
speso un miliardo

Alzheimer, Italia
1 malato ogni 10 min.

Italia, 100 mila bambini
mercè adulti

Berlusconi
tutti i processi